Il “Baffo”, famoso spacciatore marocchino, catturato dalla Polizia allo stadio

22/1/2016 – La partita di serie A Sassuolo – Torino al Mapei Stadium di Reggio Emilia è stata sfortunata per un pusher marocchino, Ali SALAH di 50 anni, sorpreso dagli uomini in borghese della questura a vendere eroina nelle adiacenze dell’impianto sportivo .

Gli uomini della Questura, impegnati nei servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica connessi allevento sportivo anche con personale in borghese, si sono insospettiti quando hanno visto una vecchia conoscenza, il “Baffo” – così Salah è conosciuto nel mondo dello spaccio – girare in bicicletta.

Dopo poco il magrebino si incontrava con un italiano in un parcheggio; pochi minuti ma sufficienti per far intuire uno scambio.

Così il personale della Polizia di Stato si divideva: un primo equipaggio seguiva il cittadino italiano mentre il secondo pedinava Salah. L’italiano, fermato poco dopo, aveva due dosi di eroina che riferiva di avere appena acquistato in un parcheggio da un cittadino arabo. Il secondo equipaggio, quindi, procedeva a fermare ed arrestare il Salah per la cessione di stupefacente effettuata poco prima.

 L’arrestato, già destinatario di misura cautelare del divieto di dimora nella regione Emilia Romagna, ora è in una camera di sicurezza della Questura in attesa  del processo per direttissima.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. carlo Rispondi

    22/01/2016 alle 10:23

    Bravissimi gli addetti di polizia.
    Carlo Baldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *