Sapori in biblioteca Manuali e ricette del reggiano: conversazione con Varni, Festanti e Lisa Bellocchi

21/1/2016 – Il primo appuntamento del 2016 nella Sala del Planisfero della Biblioteca Panizzi  è dedicato al ciclo Sapori in biblioteca, la rassegna promossa dall’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna in occasione della pubblicazione del volume “Agricoltura e Alimentazione in Emilia Romagna. Antologia di antichi testi”, a cura di Zita Zanardi (collana IBC “Immagini e Documenti”, Edizioni Artestampa, 2015).

Venerdì 22 gennaio 2016 alle 17,30 in Biblioteca Panizzi, conversazione su “Leggere di gusto. Manuali e ricette del territorio reggiano” dove interverranno Angelo Varni, presidente IBC, Maurizio Festanti, già direttore della Biblioteca Panizzi, e Lisa Bellocchi, presidente Arga – Associazione interregionale giornalisti agricoli; sarà inoltre presente la curatrice del volume, Zita Zanardi.

Questa iniziativa testimonia l’impegno della Biblioteca Panizzi a valorizzare il patrimonio di materiali e documenti antichi e moderni, in questo caso legati al tema dell’agricoltura e dell’alimentazione dal medioevo ai giorni nostri, anche attraverso aneddoti e curiosità poco conosciute al grande pubblico. L’incontro sarà accompagnato da letture di brani, aneddoti e ricette antiche a cura di Elena Turci, della Biblioteca Panizzi. Sarà esposta per l’occasione una selezione di testi antichi sul tema.

Il ciclo di incontri “Sapori in biblioteca”, giunto qui al suo quarto appuntamento in calendario, nasce dall’idea di raccontare l’importante tradizione agricola alimentare e gastronomica della nostra regione attraverso la testimonianza di bibliotecari, studiosi ed esperti. Partendo dagli spunti tematici e dai documenti antichi proposti nel volume “Agricoltura e Alimentazione in Emilia Romagna. Antologia di antichi testi”, si intende sondare il prezioso patrimonio culturale, materiale e immateriale, di cui i nostri istituti culturali sono depositari. La rassegna si sviluppa in un percorso che al momento ha raccolto l’adesione di nove istituzioni storiche presenti sul territorio regionale che saranno di volta in volta sedi di dialoghi, letture, mostre. Alla scoperta di quello straordinario corpus di conoscenze e narrazioni che in ciascuna realtà locale si intreccia al tema del cibo. L’ingresso è libero.

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Carino Rispondi

    23/01/2016 alle 12:09

    Molto interessante.
    😉

Rispondi a Carino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *