Perseguita una donna e aggredisce i Carabinieri: arrestato tunisino clandestino

29/1/2016 – Un tunisino clandestino di 39 anni è stato arrestato da Carabinieri dopo che per mesi ha perseguitato una donna di 45 anni che abita a Reggio. dopo aver stretto amicizia, si è trasformato in un bruto perchè la signora non ha volutoedere alle sue avances. Ha cominciato a seguirla, a coprirla di insulti per strada, ad appostarsi sotto casa minacciandola di morte, sino a pestarla nella zona della stazione ferroviaria. Tra novembre e dicembre la poveretta è finita due volte al pronto soccorso: la prima con lesioni guaribili in tre giorni, la seconda con trauma alle ossa nasali.

L’altra notte la situazione è precipitata quando intorno all’una l’energumeno si è di nuovo presentato sotto il palazzo dove vive la sua vittima, gridando ogni genere di minacce e insulti: “ti ammazzo, ti ammazzo”. La donna terrorizzata ha chiamato i Carabinieri che, arrivati sul posto, prima hanno dovuto bloccare il clandestino che tentava di entrare nel palazzo, poi quando sono usciti sono stati aggrediti. Da qui l’arresto per atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale. Ora il clandestino è alla Pulce, a disposizione della Procura della Repubblica.

Ha probabilmente frainteso l’amicizia con un altro sentimento più profondo quale quello dell’amore e dopo aver ricevuto il rifiuto alle avance da amico si è trasformato in persecutore iniziando a offenderla per strada, presentarsi sotto casa urlandogli i peggiori epiteti, picchiandola in più occasioni e proferendole gravi minacce con il fine di ottenere l’amore rifiutato. Questa notte però lo spasimante presentatosi sotto casa della vittima è andato ben oltre aggredendo i componenti l’equipaggio del Nucleo Radiomobile intervenuti in soccorso su richiesta della poveretta che aveva segnalato la presenza dell’uomo sotto casa che urlava offese e minacce di morte nei suoi confronti. Con l’accusa di atti persecutorie resistenza a pubblico ufficiale i carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia hanno arrestato un cittadino tunisino clandestino 39enne ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana. Già nel mese di novembre e dicembre odierno arrestato, pur di far “valere” i suoi sentimenti, nei pressi della Stazione ferroviaria di Reggio Emilia aveva picchiato la donna, una 45enne residente a Reggio Emilia, cagionandole una volta lesioni con prognosi di 3 giorni 3 e l’altra volta il trauma delle ossa nasali” con prognosi di alcuni giorni. Altre volte incontrandola per strada l’aveva offesa e minacciata con la stessa donna  che in alcune circostanze era riuscita a scappare rifugiandosi a casa. Poco dopo l’una di questa notte la donna notando l’uomo sotto casa che urlando per strada la minacciava e l’offendeva, ha chiamato il 112. Sul posto giungevano i Carabinieri del Nucleo Radiomobile che rintracciavano l’uomo che riferiva che doveva necessariamente entrare nell’abitazione occupata dalla donna con il pretesto di dover ritirare suoi effetti personali. Un evidente scusa laddove, come accertato dai carabinieri l’uomo non era mai stato a casa della donna. In effetti l’uomo seguiva i due militari fino al portone di ingresso principale del condominio dove vive la donna cercando di accedervi in maniera repentina venendo fermato faticosamente dai Carabinieri che all’uscita venivano aggrediti dall’uomo che veniva bloccato e tratto in arresto con le accuse di atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. roberta Rispondi

    30/01/2016 alle 21:56

    Esecuzione immediata di questo pattume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *