Fratelli d’Italia vs Boldrini: “Non rappresenta l’identità nazionale e gli ideali del Risorgimento”

Un'immagine della celebrazione del 219^ anniversario del "Tricolore" (foto Ansa)

Un’immagine della celebrazione del 219^ anniversario del “Tricolore” (foto Ansa)

08/01/2016 – Il Coordinatore Prov.le di Fratelli d’Italia A.N, Alberto Bizzocchi, ha espresso a nome del partito della Meloni il dissenso  verso la partecipazione del Presidente della Camera Laura Boldrini, in rappresentanza  delle istituzioni dello Stato, alla 219^ celebrazione dell’anniversario della “Nascita della bandiera Italiana” e riguardo le dichiarazioni della stesso On. Boldrini e del Presidente della Provincia Manghi. 

“A nome del Coordinamento Provinciale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale e dei suoi iscritti  – scrive Bizzocchi- esprimo il totale dissenso al fatto che a rappresentare le istituzioni dello Stato nella ricorrenza della “Nascita della bandiera Italiana” fosse presente la Presidente della Camera, Boldrini”.

“L’Onorevole Boldrini da sempre rinnega le tradizioni, i valori e la cultura dell’Italia – aggiunge – praticando un irresponsabile “buonismo” rivolto all’apertura indiscriminata delle nostre frontiere favorendo un’invasione di stranieri cui vengono, dalla Boldrini e dal governo Renzi, riconosciuti, di fatto, diritti maggiori rispetto alla popolazione Italiana”.

Inoltre “ha contribuito alla creazione di una politica discriminatoria verso gli italiani sempre più penalizzati nei confronti di chi si introduce nel nostro paese per lo più clandestinamente. La sinistra ha anche la colpa di aver monopolizzato la celebrazione della “Nascita del Tricolore” facendola passare per una sorta di “Festa dell’Unità”. Al pari degli amici della Lega Nord non ci sentiamo rappresentati dall’On. Boldrini che, assieme al Presidente Mattarella, ha dichiarato: “La bandiera dell’Italia è di tutti”. Non è così! La bandiera Italiana non appartiene a chiunque, ma ai discendenti di coloro che hanno combattuto per difenderla e per difendere il nostro Paese e suoi confini dall’aggressione degli stranieri. Il “Tricolore” è nato con questo spirito: affermare l’indipendenza dell’Italia! “L’’On Boldrini avrebbe dovuto, nel giorno dell’anniversario del “Primo Tricolore Italiano”, parlare dell’Italia e dei valori e della cultura del nostro paese” e non dell’Europa”.

Bizzocchi ha concluso attaccando le affermazioni dell’On. Boldrini e del Presidente della Provincia Manghi: “Del tutto fuori luogo il tentativo della Presidente della Camera di alterare gli ideali del “Risorgimento Italiano” – l’attacco di Bizzocchi – che aveva certamente la “democrazia” tra i suoi obiettivi, ma soprattutto, ribadiamo, l’affermazione della nostraindipendenza e della difesa della nostra Patria. Inadeguato anche il passaggio relativo ai nuovi criteri da applicare per riconoscere la cittadinanza italiana e inaccettabile la proposta di una revisione dell’art. 12 della Costituzione dedicato alla nostra bandiera perché vi venga fatta menzione della bandiera europea. Così come inopportuna è stata la preoccupazione riguardo i modelli di integrazione
emersa nel discorso di Manghi. Nessuna preoccupazione – ha concluso amaro il leader provinciale di Fdi – verso gli Italiani in difficoltà e nessuna preoccupazione di difendere l’identità Italiana”.

Be Sociable, Share!