Gay, lesbiche, transessuali dallo sterminio nazista a oggi
Dibattito con Gian Maria Valent e attacco al vescovo al circolo Berneri

23/1/2015I dimenticati che non dimentichiamo – Gay, lesbiche, transessuali dallo sgterminio nazista a giorni nostri è il tema di un dibattito al circolo anarchico Berneri di Reggio Emilia (via don Minzoni 1). L’iniziativa, oggi sabato 23 alle 17,30, è del collettivo Variabile Indipendente e della Fai-Federazione Anarchica reggiana. Interviene Gian Maria Valent dell’università di Padova. Valent è fral’altro autore di un saggio pubblicato nel 2014 in Spagna sugli obiettivi di controllo sociale nel risanamento del quartiere di >Oltretorrente a Parma. Inoltre sarà proiettato il docufilm Paragraph 175, realizzato in Germania nel 2000.

A seguire cena a offerta libera.

“In occasione del giorno della memoria – scrivono gli organizzatori –  anche quest’anno recuperiamo o cerchiamo di far conoscere la memoria di tutte quelle categorie di persone, discriminate e sottoposte a sterminio durante il periodo nazista, la cui oppressione e marginalizzazione è continuata anche in seguito.

Sabato 23 gennaio approfondiremo la discriminazione (che ha portato anche allo sterminio durante il nazi-fascimo) subita da chi esprimeva ed esprime una sessualità non corrispondente alla norma imposte dai regimi totalitari, ma anche dalle democrazie. Discriminazioni che vanno avanti anche al giorno d’oggi; discriminazioni su cui è strutturalmente fondata la nostra società eteronormativa”.

Anche gli anarchici reggiani, comunque si fanno inghiottire dal clima spaventoso di manipolazione delle opinioni e di aggressioni di stampo fascistoide ai sostenitori della famiglia tradizionale, clima che a Reggio si è manifestato con le contestazioni alle Sentinelle in piedi e con il greve “il vescovo Camisasca propagatore di odio”  diffuso su Facebook dal consigliere comunale Dario De Lucia del Pd.

Scrive la Fai: “Anche qui a Reggio Emilia stiamo assistendo alla ricomposizione di un fronte omofobo e sessista, sostenuto a piene mani dal vescovo e dagli ambienti clericali anche interni alle istituzioni. Le manifestazione delle Sentinelle in Piedi e l’apertura del centro Courage sono solo la punta dell’iceberg di una cultura da sempre omofoba e patriarcale. Pensiamo che questa iniziativa si inserisca in un percorso, in divenire, che costruisca una critica radicale a tutte quelle strutture sociali basate sulla sistematica discriminazione di chi è considerato diverso”.

Parleremo della persecuzione, e sterminio, di coloro che non rientravano nell’eternormatività da parte dei nazisti, con una relazione a cura di Gian Maria Valent, poi proietteremo il documentario Paragraph 175 (65 minuti, Germania, 2000 regia di Rob Epstein e Jeffrey Friedman), e, infine, con il Collettivo Variabile Indipendente discuteremo di cosa significhi fare politica di genere nella nostra società”.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *