Emergenza smog: nel 2015 Reggio e Parma le peggiori con 67 giorni di sforamento
Il rapporto Mal’Aria 2016 di Legambiente

30/1/2016 –  Un 2015 sotto il segno dell’emergenza smog in Emilia-Romagna. E’ quanto emerge dallo studio sull’inquinamento cittadino Mal’Aria 2016 firmato Legambiente: tutti  i capoluoghi di provincia della regione – fatta eccezione per Cesena – hanno sforato il limite di polveri sottili (Pm10) di 50 microgrammi per metro cubo più di 35 volte in un anno. Soglia che non si dovrebbe assolutamente superare.

Nel dettaglio, lo scorso anno, le realtà più critiche risultano essere Parma e Reggio Emilia, con 67 giorni di superamento, seguite da Piacenza con 61, Rimini con 59, Modena e Ferrara con 55, Ravenna con 42, Bologna con 38, Forlì con 36 e Cesena – unica a stare sotto alla soglia dei 35 giorni – con 22. “Un peggioramento netto – osserva Legambiente – rispetto alla situazione del 2014, anche alla luce del lungo periodo di siccità di fine anno”. A gennaio, sono stati 13 i giorni di superamento della soglia di Pm10 a Modena; 12 a Rimini, Ravenna e Ferrara; 10 a Piacenza e Reggio Emilia; 8 a Parma e Bologna e 6 a Cesena.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. e nessuno fece nulla.. Rispondi

    30/01/2016 alle 09:39

    Va “bene” così ?….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *