Va a rubare rame: folgorato e denunciato

5/12/2015 – Una scarica elettrica tremenda gli ha carbonizzato la mano destra, provocandogli anche estese ustioni di II e III grado all’addome: per tali lesioni un uomo di 56 anni del reggiano è stato ricoverato in gravi condizioni al centro grandi ustionati dell’Ospedale Maggiore di Parma. L’incidente è avvenuto la settimana scorsa, ma solo ora i carabinieri di San Polo d’Enza sono giunti alla conclusione che l’uomo, residente a Canossa,  è rimasto folgorato mentre rubava del rame dalla cabina elettrica di un’azienda chiusa.

Da qui  denuncia per furto aggravato che i carabinieri della Stazione di San Polo d’Enza hanno inoltrato alla Procura reggiana a carico del malcapitato.

Il 26 novembre l’uomo è arrivato in gravi condizioni e con la mano destra completamente bruciata all’ospedale di Montecchio, accompagnato dalla moglie. Mentre veniva trasferito d’urgenza al grandi ustionati di Parma, subito i Carabinieri iniziavano a indagare sull’accaduto. Alla fine si è accertato che il 56enn dopo aver forzato la porta d’accesso di una cabina elettrica, ubicata nell’area di una ditta dismessa di San Polo, cercava di asportare 3 barre di rame della lunghezza complessiva di 2 metri. Ma gli è andata male: è rimasto folgorato e si è fatto portare in ospedale dai famigliari, per non finire nei guai. Ma dopo il ricovero,  alla luce di quanto ricostruito dai carabinieri, l’uomo si è beccato una denuncia per furto aggravato. Non è escluso che con lui vi fossero dei complici.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *