Parmigiano, segnali di ripresa. Dopo due anni le scorte tornano a diminuire

2/12/2015 – Dopo due anni di lievi ma costanti incrementi, le scorte di Parmigiano Reggiano mostrano la prima, evidente flessione. In particolare, per il prodotto stagionato oltre 18 mesi si registra un calo dell’1,1%: non accadeva dal novembre 2013, quando la flessione fu dello 0,2%.

“Un dato positivo – sottolinea il presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano Giuseppe Alai – chiaramente determinato da un aumento della richiesta che sta proseguendo e va a consolidare quei dati che a fine ottobre parlavano di un +2,3% delle vendite nella grande distribuzione (in netta controtendenza rispetto al calo del 2,9% della vendita di formaggi duri) e di un flusso di esportazioni che a fine agosto risultava in crescita del 7,2% per il prodotto in forme o porzionato e del 14,7% per il grattugiato”.

“La flessione delle scorte – prosegue Alai – è a maggior ragione significativa se si considera che si riferisce ad un prodotto marchiato e stagionato oltre 18 mesi, sul quale aumentano complessivamente quegli acquisti che in questi anni si erano già fortemente innalzati per il formaggio a lunga stagionatura (30 mesi e oltre), determinando cambiamenti profondi nella struttura delle scorte”.

Alla crescita dei consumi e alla diminuzione del prodotto in stagionatura nei magazzini corrisponde anche un consolidamento della ripresa delle quotazioni all’origine, che già si era manifestata tra le metà di ottobre e la metà di novembre.

“La cautela – sottolinea – è ancora d’obbligo, tuttavia la Borsa comprensoriale ha registrato un ulteriore incremento di 10 centesimi al chilo venerdì scorso e i segnali che giungono dai mercati delle province interessate sono ancor più confortanti. Siamo ancora al di sotto di valori in grado di garantire reale redditività ai produttori, ma questo trend, ora accompagnato da una flessione delle scorte finalmente evidente, apre migliori prospettive di ritorno a livelli più soddisfacenti, soprattutto in vista di quelle festività che già lo scorso anno determinarono un sensibile rialzo (+7% rispetto al 2013) delle vendite sul mercato interno”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *