Le “prediche” antitruffa dei Carabinieri funzionano: tre anziani mettono in fuga un farabutto

15/12/2015 – Le “prediche” antitruffa dei Carabinieri reggiani cominciano a dare i primi risultati.

Nei giorni scorsi tre anziani reggiani, tutti oltre gli 80 anni,   hanno messo in fuga un truffatore applicando i consigli appresi nel corso delle conferenze tenute dai militari.

E’ successo a Toano, Castelnovo Monti e a Guastalla: in tutti e tre i casi lo stesso malvivente, con la scusa di controlli per una presunta fuga di gas,  voleva convincerli a mettere i loro ori nel freezer onde evitare che si ossidassero. Ma gli anziani, “catechizzati” a dovere, non ci sono cascati e anzi, hanno offerto un valido contributo alle indagini fornendo una descrizione dettagliata del malvivente, che potrebbe risultare decisiva ai fini dell’identificazioni

.Nelle ultime settimane i militari dell’Arma della provincia di Reggio Emilia hanno incontrato i cittadini nelle sedi circoscrizionali, nei centri sociali, nei circoli e nelle chiese. Un programma fitto di incontri, quello pianificato dal comandante provinciale  colonnello Buda e affidato alle tre Compagnie nella quali è suddiviso il territorio provinciale, che proseguirà in maniera anche durante le festività in modo da accrescere il livello di attenzione degli anziani che sono il bersagli privilegiato di nugoli di farabutti. I risultati incoraggiano ad andare avanti con la prevenzione.

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Umberto Gianferrari Rispondi

    16/12/2015 alle 05:23

    Bene, ma dopo le prediche,si è catturato lo scippatore di colore,alla Coop castelnovese ? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *