Brescello, ghanese pestato a sangue sull’argine del Po. In manette pastore siciliano, suo fratello e due amici

Era esanime a terra  lungo l’argine del Po alla periferia di Brescello, con il volto tumefatto e sanguinante a seguito di un brutale pestaggio subito da 4 uomini. Un uomo di 32 anni residente a Viadana, dinazionalità ghanese,  è stato soccorso dai Carabinieri di Gualtieri intervenuti sul posto insieme ai colleghi del Nucleo Radiomobile di Guastalla, a seguito dell’allarme lanciato al 112 da un amico del ferito. I carabinieri, dopo aver garantito i soccorsi al malcapitato,  giudicato guaribile in 8 giorni all’ospedale di Guastalla, hanno arrestato un pastore di Brescello e altre trepersone per concorso in violenza privata, minacce,   porto abusivo di oggetti atti ad offendere e lesioni aggravate. In manette, per il pestaggio del ghanese, sono finiti il palermitano Salvatore TARANTOLA, pastore di 39 anni, suo  fratello Giuseppe TARANTOLA di 46, entrambi abitanti a Brescello, e due loro due loro amici: il catanese Daniele BRANCATO, 29 anni residente a Brescello,  e  Maurizio DEPADOVA di 22 anni abitante a Gualtieri.

I carabinieri sono intervenuti ieri alle 14 in Strada Mulino Caselle, a Brescello: riverso a terra con la testa sanguinantec’era un cittadino ghanese 32enne residente a Viadana.

Questi, secondo la ricostruzione operata dai militari, che aveva accompagnato l’amico per acquistare una pecora, veniva aggredito per futili motivi dal pastore che lo ha preso a schiaffi, mentre il fratello e gli atri due arrestati arrivavano a dargli manforte.

L’africano riusciva a fuggire, ma veniva inseguito e bloccato lungo l‘argine dai quattro, che gli hano tolto ilcellulare e poi lo hanno preso a bastonate, lasciandolo a terra con la testa sanguinante. Gli aggressori sono fuggiti, ma grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri non sono andati lontano.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *