“Squadrismo fascista”, “No, sono ridicoli”. La sinistra insorge contro il blitz skinheads nelle sedi Caritas e Pd

26/11/2015 – L’azione di protesta anti-immigrati del Fronte Skinheads del Veneto, l’altra notte ha colpito non solo a Reggio Emilia. Le teste rasate hanno preso di mira, con le sagome di cadaveri e  imanifestini da morto,  le centrali Caritas e le sedi Pd di Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Correggio. Numerose le note di protesta: la consigliera regionale del Pd Silvia Prodi chiama alla mobilitazione contro “lo squadrismo fascista”, mentre la Caritas di Reggio Emilia reagisce citando un passo del vangelo di San Luca.

Il segretario regionale del Pd Paolo Calvano parla invece di “balordi” e esprime su Facebook la solidarietà e vicinanza del Pd emiliano “a chi è stato così vigliaccamente colpito”: “Non ci lasciamo intimidire da questi balordi, anzi questi gesti confermano la nostra convinzione che stiamo percorrendo la strada giusta per portare all’approvazione una legge che finalmente riconosca i diritti di chi nasce e cresce in Italia da genitori stranieri”

Anche Andrea Costa, segretario reggiano del Pd, le definisce “azioni ridicole” da parte di chi “ha tempo da perdere per carnevali fuori stagione” mentre dovrebbe passare il proprio tempo “a lavorare, leggere e studiare”.

“Vogliamo prima di tutto esprimere solidarietà alla Caritas – aggiunge Costa – che proprio in queste prime settimane di freddo sta operando come sempre in modo incredibile per tenere al caldo e sfamare anche chi non ha un tetto: indipendentemente da colore, razza o credo politico”.

Costa annuncia una piccola donazione alla Caritas da parte del Pd e aggiunge: “Dice il famoso comunicato pubblicato che gli antenati degli skinhead avrebbero “combattuto e consacrato con il loro sangue quella Vittoria così come il nostro sacro suolo natio”. Beh, tra quegli antenati ci sono anche i nostri, che sicuramente saprebbero dove mandarvi. Anche perchè i loro figli hanno poi combattuto per liberare la nostra terra dai nazisti e dai fascisti, che con la scusa della razza pura hanno massacrato milioni di innocenti.  E noi oggi siamo qui, raccogliendo il testimone di chi ha combattuto per la Libertà, l’Uguaglianza, la Solidarietà, a costruire un mondo migliore”.

 LA CARITAS DIOCESANA CITA IL VANGELO DI LUCA

“In merito agli episodi della notte scorsa nei quali anche la Caritas diocesana è stata oggetto di ingiurie da parte di un’Associazione culturale veneta che ne ha rivendicato la paternità, rispondiamo con quanto abbiamo di più attuale e utile al discernimento, il Vangelo della liturgia del giorno:

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 21,12-19)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.

Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita»”. Così la Caritas diocesana di Reggio Emilia.

 LA SENATRICE PIGNEDOLI: APPROVARE SUBITO LA LEGGE SULLO IUS SOLI

“lA legge sullo ius soli già approvata alla Camera e ora in discussione al Senato è una conquista di civiltà. Quanto accaduto stamane davanti alle sedi della Caritas, della federazione provinciale Pd di Reggio e in altre sedi in provincia è un gesto che devi farci tenere alta l’attenzione, da condannare senza mezzi termini. La migliore risposta che potremo dare ai sedicenti Skinheds che hanno rivendicato l’accaduto sarà l’approvazione della legge, che spero avvenga in tempi rapidissimi. L’integrazione è una cosa seria e noi non arretreremo di un passo!”. Lo dichiara la senatrice Pd Leana Pignedoli.

SILVIA PRODI: CONTRASTARE LA DERIVA XENOFOBA

“L’attacco alle sedi del Partito Democratico è un atto di squadrismo fascista”. È il commento della consigliera regionale PD Silvia Prodi sugli atti vandalici ai danni delle sedi PD di Reggio Emilia, Parma e Piacenza. “Un gesto intollerabile e preoccupante anche l’attacco alle sedi della Caritas, sintomo di una deriva antidemocratica e xenofoba che abbiamo il dovere di contrastare. Esprimo solidarietà e vicinanza a coloro che sono stati colpiti e offesi e li ringrazio per quello che fanno ogni giorno per la collettività. A tutti loro dico: non facciamoci intimidire. Questi gesti vigliacchi confermano che con lo Ius Soli e le politiche di accoglienza e integrazione siamo sulla strada giusta. La provocazione fascista di ieri notte non deve fermare l’impegno democratico”.

 LA CISL: SOLIDARIETA’ A PD E CARITAS: NON ENFATIZZARE, MA NEMMENO SOTTOVALUTARE

“La Cisl esprime solidarietà alla Caritas e al Pd, con cui condivide l’impegno a favore dell’integrazione, nel rispetto delle leggi del nostro Paese”: lo affermano Domenico Chiatto, componente della segreteria Cisl Emilia Centrale, e Aziz Sadid rappresentante dell’Anolf, associazione per l’integrazione promossa dalla Cisl.

 “Senza enfatizzare l’episodio – dichiarano Chiatto e Aziz – riteniamo che esso non debba essere sottovalutato per le modalità e il momento in cui è avvenuto. Si rischia di alimentare sentimenti di chiusura verso gli altri, rinnegando l’atteggiamento di apertura che il nostro territorio ha sempre mostrato”. “Occorre che la società civile moltiplichi gli sforzi per contrastare questi episodi attraverso una maggior conoscenza reciproca, il dialogo, la tolleranza, l’educazione e la cultura dell’accoglienza, che sono gli unici strumenti – conclude la Cisl Emilia Centrale – per garantire una convivenza pacifica tra le persone che vivono e lavorano nel rispetto delle leggi del nostro Paese”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *