Rubato un chilometro di cavi di rame: la Flexibord di Luzzara in ginocchio. Produzione bloccata per una settimana

9/11/2015Hanno rubato quasi 1 chilometro di cavi di rame, mettendo fuori uso la cabina elettrica che alimenta uno dei reparti più importanti,  causando un danno di alcune decine di migliaia di euro e bloccando la produzione per almeno una settimana.

Il colpo è stato messo a segno ai danni della FLEXIBORD, storica azienda produttrice di bordi in ABS e PVC per l’industria del mobile con sede a Luzzara. Un altro duro colpo allo stabilimento di cui il gruppo teramano ha annunciato nei giorni scorsi la chiusura, provocando una dura reazione di lavoratori e sindacati.

Il furto è avvenuto nella notte tra sabato 7 e domenica 8 novembre. Ad accorgersi che qualcosa non andava sono stati alcuni dipendenti, che lunedì mattina, entrando nello stabilimento hanno notato la recinzione metallica manomessa e il portone  d’ingresso forzato.

Secondo le prime ricostruzione dei fatti, i ladri, una volta manomesso  il cancello ed entrati all’interno dello stabile, si sono diretti verso la cabina elettrica che alimenta i macchinari del capannone, hanno staccato la corrente ed una volta isolati si sono dedicati alla rimozione dei cavi di rame che dalla cabina elettrica alimentano l’intero reparto Estrusione, uno dei reparti più importanti dell’intera azienda.

Oltre ai cavi di rame i malviventi  hanno portato via utensili vari ed un Furgone Iveco Daily, molto probabilmente utilizzato per il trasporto del rame.

Oltre al danno economico a preoccupare la Proprietà è l’atto vandalico che rischia di paralizzare, ancora una volta, la produzione che sarebbe ripartita oggi dopo lo stop dei giorni scorsi, dopo l’ondata di scioperi interni dei giorni scorsi . I Carabinieri di Luzzara stanno indagando sul caso.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *