Processo Aemilia, primi patteggiamenti con pene sospese. Domani il gup si pronuncia sui giudizi abbreviati

Nell’udienza  di domani, mercoledì,del processo Aemilia, il Gup di Bologna Francesca Zavaglia si pronuncerà sulle prime trenta richieste di giudizio abbreviato. Tra queste, quelle di Giuseppe Pagliani – che ha deciso questa strategia con i propri avvocati nella convinzione di un totale prosciglimento – del giornalista Marco Gibertini, dell’imprenditore Omar Costi, del poliziotto Domenico Mesiano, già autista del precedente Questore di Reggio Emilia e dell’exispettore della Mobile reggiana Antonio Cianflone.

Il Grup potrebbe pronunciarsi anche sui primi patteggiamenti concordati tra i legali e i pm per imputati coinvolti in Aemilia come “prestanome”: l’avvocato Liborio Cataliotti ha concordato pene sospese per Carmine Bramante, Carlo Trento e Paolo Riilo (un anno e sei mesi), e due anni per  Ibrahim Abdelgawad.

Sospensione della pena di un anno e mezzo ottenuta in sede di patteggiamento dall’avvocato Carmine Migale anche Alessandro e Michele Ruggiero.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *