Pensionato in bici travolto e ucciso: giovane di 24 anni si costituisce e confessa

5/11/2015 – Il responsabile dell’omicidio stradale di domenica pomeriggio lungo la provinciale Correggio-San Martino in Rio, si è costituito in Procura a Reggio Emilia e ai Carabinieri di Correggio. Si tratta di un giovane di 24 anni, incensurato, di Reggio che ha confessato di aver travolto il pensionato di Carpi che transitava in bicicletta, provocandone la morte e dandosi alla fuga.

Il giovane è stato individuato e denunciato dai Carabinieri di Correggio per omicidio colposo, fuga a seguito di sinistro stradale e omissione di soccorso. Ma, anticipando le risultanze investigative questa mattina, accompagnato dal proprio legale di fiducia, si è dapprima presentato al sostituto procuratore di Reggio Emilia Stefania Pigozzi,  poi ai Carabinieri di Correggio ai quali ha ammesso le proprie responsabilità.

Il  corpo senza vita dell’uomo, un 81enne pensionato di Carpi, era stato trovato lunedì mattina intorno alle 10 da due tecnici della Telecom vicino al fossato che dà su via della Pace, la provinciale 113 che collega Correggio a San Martino in Rio. Vicino al cadavere dell’anziano, poco visibile dal lato della strada perché dietro alcune frasche, è stata rinvenuta anche la bicicletta nera dell’uomo con danni evidenti che da subito hanno cfatto ipotizzare l’incidente stradale ad opera di un pirata della strada. I riscontri tra i frammenti di un paraurti e un parafango rinvenuti sul posto, le immagini della videosorveglianza di un’attività commerciale hanno permesso di individuare l’autpo investitrice in una Volkswagen Polo. Nella sua confessione, il giovane ha affermato di essere fuggito perchè scioccato dall’incidente. L’autovettura è stata ora sequestrata dai Carabinieri.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *