Crac Coopsette: “Pd spudorato: ora fa anche la morale alle cooperative”

di Giuseppe Pagliani*

2/11/2015 La pantomima del PD reggiano su Coopsette è ridicola, così come è ridicolo il tentativo di allontanarsi dalle responsabilità legate al crollo del sistema cooperativo “rosso” di costruzione. Tutti sanno nelle nostra provincia che, il sistema cooperativo ha goduto sempre di un trattamento di grande attenzione e favore da parte delle amministrazioni locali, si vadano a vedere gran parte delle lottizzazioni degli ultimi vent’anni nella nostra provincia.

Giuseppe Pagliani

Giuseppe Pagliani

Oggi con spudoratezza i vertici provinciali del PD addirittura fanno la morale ai vertici delle cooperative, da loro sostenuti, sino a qualche mese fa.

Dove era il PD durante il crack dimenticato della Cooperativa Muratori di Reggiolo? Quando a distanza di circa sei mesi dalla messa in liquidazione della società cooperativa stessa si costruiva un altro contenitore societario per inserirvi tutti gli asset positivi. Il grave tradimento dei risparmiatori reggiolesi, che per fiducia nella cooperativa muratori locale avevano da anni riposto nelle casse della stessa i propri risparmi di una vita.

Ci spieghi il PD reggiano come mai i dirigenti di Coop Muratori Reggiolo hanno separato il ramo industriale, che costituiva la parte più redditiva del patrimonio CMR, (cave, inerti, calcestruzzo e materiali per l’edilizia),  per costruire una Newco CMR INDUSTRIALE Srl?, i dipendenti della cooperativa fino a dieci giorni prima della messa in liquidazione della cooperativa hanno ricevuto l’invito di versare il 9% della retribuzione sui libretti di deposito dei soci conferenti, mantenendoli completamente all’oscuro della scelta societaria da intraprendere e della situazione finanziaria grave, perché non si sono dichiarate allora le decisioni prese di scorporare attività in altra società costituita ad hoc avente come soci ? Altrochè solidarietà, questo atteggiamento è stato unicamente volto a salvare ed isolare parte degli asset positivi, 37 milioni di euro di asset, 20 milioni di debiti bancari trasferiti, 9 milioni di debiti verso CCFS trasferiti , 10 milioni a capitale sociale e 500 mila euro a riserva.

Ora assistiamo con la liquidazione coatta amministrativa di Coopsette ad un altro fallimento mascherato del sistema cooperativo di Lega coop reggiano, con conseguenze devastanti per i fornitori che finiranno in gran parte per fallire e per l’occupazione.

Gravi responsabilità sul fallimento del sistema cooperativo “rosso” di costruzione sono del Pd che ha sempre guidato queste aziende con uomini ai vertici di derivazione PCI-PDS-DS-PD.

*Capogruppo Forza Italia Reggio Emilia

Be Sociable, Share!

2 risposte a Crac Coopsette: “Pd spudorato: ora fa anche la morale alle cooperative”

  1. umberto Rispondi

    02/11/2015 alle 18:26

    Per me, gran parte del merito è da ascriversi ad una opposizione, troppo spesso, all’acqua di rose…..

  2. Fausto Poli Taneto Rispondi

    04/11/2015 alle 22:11

    Per me Pagliani in periodo di processo Aemilia, le dmei al tasess. E poi. nel cerchio magico di Piazza Prampolini, in Sala Tricolore, sono tutti d’accordo. A me fa cagare questa ipocrisia e questo modo di sbeffeggiarsi dei cittadini che si sbattono. E poi vanno a votare per questa gete, di merda. Perche’ la politica e’ una merda puttana. E ne vediamo tutti i giorni cosa succede. Non credo ai media e alle puttanate scrite e dichiarate nelle trasmissioni tv solo per raccattar voti e consensi. Ci vuole un’amministrazione onest e fatta da gente capace, mica dei prendi soldi prendi culo. Purtroppo la politica e’ diventata affare di soldi, non di etica e di valori. Ma ditemi se un Comune come Brescello si puo’ sostituire parte civile in un processo Epocale, epocale Aemilia dove il braccio destro della malavita armata e’ proprio un loro concittadino, Grande Aracri. ma ditemi se e’ possibile che Del Rio venga eletto ministro delle infrastrutture per merito di accordi in Calabria ? Ma ditemi se la politica di Roma Capitale con marino puo’ stare in piedi. ma ditemi se e’ giusto annullare il reato di peculato per 65 milioni di euro di Ciccio bombo Renzi. ma ditemi, ma ditemi, vacca boia, come si fa a credere alla politica. Poi coopsette…………..pazzesco, pazzesco.

Rispondi a umberto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *