Parmigiano reggiano, l’assemblea del Consorzio vara nuove norme anti-falsi
Solo latte da vacche nate in zona di produzione, parametri di controllo più stringenti

25/11/2015 – Il Parmigiano Reggiano continua ad investire sulla qualità come leva primaria per consolidare la crescita dei consumi interni  (+2,3% da gennaio a fine ottobre), il buon andamento dell’export ( crescita del 7,2% per il prodotto in forme o porzionato e del 14,7% per il grattugiato nei primi otto mesi del 2015) e i primi segnali di ripresa che manifestano sul fronte delle quotazioni dopo due anni di crisi.

Dall’Assemblea del Consorzio del Parmigiano Reggiano, cui fanno capo 363 caseifici, è venuto questa mattina un segnale inequivocabile in tal senso, con l’approvazione di alcune modifiche al disciplinare di produzione che incidono proprio sulla tutela della qualità e sul legame con il territorio.

Con le modifiche approvate dall’Assemblea si rafforza, innanzitutto, la lotta alle contraffazioni. Grazie all’introduzione di nuovi sistemi e parametri di controllo (riguardanti isotopi, aminoacidi liberi e acido ciclopropanico), infatti, sarà possibile identificare con precisione il prodotto non originale sia per quanto riguarda la provenienza del latte sia per l’eventuale uso di prodotti vietati dal disciplinare nell’alimentazione delle bovine (insilati, ad esempio), ma anche svelare e contrastare possibili dichiarazioni ingannevoli sulla stagionatura del prodotto.

SOLO LATTE DA VACCHE NATE IN ZONA DI PRODUZIONE

Quanto al legame con il territorio delle province di Mantova (destra Po), Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna (sinistra Reno), le modifiche al disciplinare – che già stabiliscono l’uso assolutamente prevalente di foraggi locali nell’alimentazione delle bovine – prevedono che il latte destinato alla trasformazione sia prodotto esclusivamente da vacche nate nel comprensorio di produzione del Parmigiano Reggiano. Stop, dunque, ad animali provenienti da fuori comprensorio e dall’estero, nonché da altre filiere produttive, per i quali era comunque previsto (prima dell’utilizzo del latte per produrre Parmigiano Reggiano) un periodo di “quarantena” di quattro mesi, nel corso dei quali le bovine dovevano essere alimentate secondo le norme del disciplinare per il Parmigiano Reggiano.

La nuova norma, dunque, rafforza ulteriormente i vincoli con il territorio, e contemporaneamente genererà un effetto indotto anche sui volumi produttivi. In sostanza, si eviteranno quei repentini e troppo consistenti aumenti produttivi che sono avvenuti, in passato, nel momento in cui il buon andamento delle quotazioni apriva la via all’ingresso di bovine provenienti da altre filiere (latte alimentare o altri formaggi) e, scontata la “quarantena”, ad un rialzo dei quantitativi di prodotto da destinare ai mercati. “Sono fenomeni – sottolinea  il presidente del consorzio Giuseppe Alai – che abbiamo riscontrato, ed è evidente che la scelta che i caseifici hanno compiuto oggi è particolarmente rilevante e positiva per quei produttori che costantemente legano gli investimenti e i redditi all’andamento del Parmigiano Reggiano, senza ricorrere a forme di business occasionale che producono andamenti depressivi sulle quotazioni e, conseguentemente, danni proprio sui redditi”.

NUOVA NORMA SU GRASSO E CASEINA

Nuova e stringente norma, inoltre, sul rapporto tra grasso e caseina al momento della produzione, che va ad assicurare anch’essa il mantenimento di una qualità che non asseconda possibili cedimenti (che sarebbero a vantaggio della resa in peso) sulla percentuale di lipidi presenti in un prodotto che già nasce dall’unione tra latte scremato per affioramento (quello della mungitura serale) e latte intero (quello del mattino).

IL VOTO A LARGA MAGGIORANZA

Le norme proposte dal Consiglio del Consorzio del Parmigiano Reggiano sono state approvate dall’Assemblea dei caseifici rispettivamente con 335 e 333 voti favorevoli (72 i contrari nel primo, 87 nel secondo). Con percentuali analoghe è stata approvata anche la norma che prevede l’apposizione, sul prodotto porzionato, dell’età di stagionatura come ulteriore atto di trasparenza nei confronti dei consumatori. Nonostante abbia ottenuto la maggioranza dei voti (223 favorevoli, pari al 51,98%) non è invece passata la riforma della marchiatura, per la quale, così come per le altre, era richiesto il 60% dei consensi.

L’assemblea ha anche approvato il bilancio preventivo del Consorzio per il 2016, nell’ambito del quale spicca un sostanziale raddoppio delle risorse destinata alla comunicazione sul mercato italiano, che si attestano a 5,5 milioni di euro.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *