Orrore in fabbrica a Casalgrande: marocchino conficca cacciavite nella nuca di un compagno di lavoro. Rischia la paralisi

14/11/2015 – Un operaio di 40anni abitante a Sassuolo rischia la paralisi degli arti inferiori: è ricoverato all’ospedale Baggiovara di Modena in serie condizioni, dopo essere stato vittima di un inaudito atto di violenza da parte di un collega di lavoro che, per futili motivi e forse per vecchie acredini, durante un litigio gli ha conficcato un cacciavite nella nuca.

La terribile aggressione questa mattina nella zona industriale di Sant’Antonino di Casalgrande. I carabinieri hanno arrestato con l’accusa di lesioni gravissime Un marocchino di 50 anni residente a Casalgrande. Secondo una prima ricostruzione operata dai militari  di Casalgrande, i due colleghi di lavoro hanno incominciato a litigare pare per l’utilizzo di utensili da lavoro. Ma dalle parole il 50enne è passato ai fatti: aveva in mano un cacciavite e glielo ha  conficcacato nella nuca. Il ferito è stato trasportato a  Baggiovara dove è seguito minuto per minuto dai sanitari: cacciavite ha inciso dei collegamenti  nervosi,col rischio di paralisi alle gambe.

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. jafet Rispondi

    15/11/2015 alle 02:30

    Bestiacce, da rimandare all’inferno.

Rispondi a jafet Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *