La Reggiana ritrova il gioco, ma è una magra consolazione
Il Cittadella sfrutta gli errori granata e vince 2-1.

Spanò sembra indicare ad Arma e compagni la via da seguire per tornare ai vertici

Spanò sembra indicare ad Arma e compagni la via da seguire per tornare ai vertici

28/11/2015 – (Carlo Codazzi) – Nel confronto esterno con la capolista i granata hanno fatto la partita, ma hanno pagato due disattenzione difensive e la poca freddezza sotto porta in attacco. Il Cittadella ha sbloccato il risultato dopo 10′ con il bomber Litteri che ha sfruttato la libertà colpevolmente concessagli da De Biasi e ha insaccato, in giravolta, di collo sinistro dopo aver controllato di petto il pallone in piena area. La reazione della Reggiana, schierata con il 3-5-1-1, ha prodotto tre palle gol sprecate, in successione, da Bartolomei, Nolè e Arma, oltre a un chiaro rigore non concesso dal Sig. Piccinini che ha ignorato un “mani” in area di un difensore veneto (braccio tenuto larghissimo) su un tentativo di cross di Bruccini. Graziato tre volte il Cittadella ha poi raddoppiato al 37′ su azione d’angolo con Iori che ha potuto incornare da pochi passi, completamente libero, battendo l’incolpevole Perilli. Il “buco” nella marcatura a zona degli uomini di Colombo, nella circostanza, è stato favorito dall’infortunio di Parola che, colpito duro ad un fianco, era in quel momento in campo per onor di firma. Parola (sospetta incrinatura di una costola) è stato poi rilevato da Frascatore prima dell’intervallo. Nella ripresa granata in forcing e Cittadella votato al contenimento schiacciato nella sua area. Dopo un’occasione sprecata da Arma che ha tentato la conclusione, anticipato da Bizzotto, invece di servire Bartolomei solo davanti al portiere, la Reggiana ha trovato il gol della speranza grazie a Nolè abile a scaraventare in rete il pallone, in mischia, da pochi passi. L’azione del 2-1 è nata da un corner provocato da un tiro di Arma rimpallato, ma anche in questa circostanza il centravanti granata ha evitato di servire il meglio piazzato Frascatore. Piuttosto sfortunata la formazione di Colombo che non è riuscita a raggiungere il meritato pareggio per via di un clamoroso errore di Nolè che, tutto solo, ha malamente spedito sul fondo, a tu per tu con Alfonso, un pallone d’oro servitogli su un piatto d’argento da una “torre” di Arma. Nonostante gli innesti di Angiulli (per Bruccini) a centrocampo e di Pesenti (per Mogos) in attacco con il passaggio al 3-4-1-2, la Reggiana non è riuscita a completare la rimonta e alla fine ha fatto festa il Cittadella che sfruttato in pieno gli errori, difensivi e offensivi, degli avversari. La buona prestazione dei granata, tuttavia, lascia intravedere una luce di speranza per il futuro prossimo della formazione allenata da mister Colombo. Domenica prossima vedremo se i progressi di gioco mostrati contro il Cittadella dalla Regia troveranno conferma con la seconda della classe, il Pavia, attesa alle 17,30 al “Città del Tricolore”. Colombo dovrà, con tutta probabilità, fare a meno di Parola e sarà chiamato a schierare una retroguardia, già orfana di Sabotic e fino a un paio di gare fa vero punto di forza della sua squadra, in piena emergenza.

TABELLINO

Cittadella – Reggiana 2-1 (p.t. 2-0)

Marcatori: 10′ Litteri, 37′ Iori;  56’ Nolè

Cittadella: Alfonso; Salvi, Scaglia, Pascali, Benedetti; Paolucci, Iori, Bobb (1’ Lora); Chiaretti (60′  Schenetti); Bizzotto (71’ Cappelletti), Litteri. A disposizione: Vaccarecci, De Leidi, Jallow, Sgrigna, Minesso, Coralli, Amato. Allenatore: Roberto Venturato.

Reggiana: Perilli; Spanò, Parola (40′ Frascatore), De Biasi; Mogos (75′  Pesenti), Bruccini (62’ Angiulli), Maltese, Bartolomei, Siega; Nolè, Arma. A disposizione: Rossini, Castellana, Di Nicola, Ceccarelli, Loi, Giannone. Allenatore: Alberto Colombo.

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì.

Note – Ammoniti Litteri, Pascali, De Biasi, Chiaretti, Nolè. Recupero: 2’pt, 3’st.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *