Inseguimento a Caldebosco, tre malviventi abbandonano furgone rubato con 500 bottiglie di vino. Di chi sono?

1/11/2015 – Una carico di oltre 500 bottiglie di vino, che attendono di essere ritirate dal legittimo proprietario, e un kit di attrezzi da scassinatore erano a bordo di un furgone abbandonato da tre sconosciuti a Cadelbosco Sopra al termine di un inseguimento avvenuto l’altra notte.

E’ accaduto venerdì intorno alle 2,30 quando una pattuglia dei carabinieri di Cadelbosco Sopra,  intercettavano un Fiat Doblò con 3 persone a Villa Seta, in prossimità di ville e quartieri residenziali.

Il conducente alla vista della pattuglia ha accelerato, ed è così iniziato un concitato inseguimento a folli velocità: dopo parecchi chilometri i ladri, tallonati dai Carabinieri, hanno preferito abbandonare il mezzo per fuggire nei campi col favore della notte.   mentre nella zona, anche a cavallo con il capoluogo reggiano, cominciava una serrata caccia ai 3 malviventi, i militari nel furgone, risultato rubato a Poviglio lo scorso 2 ottobre, hanno rinvenuto non soltanto un piede di porco e cacciaviti per forzare le porte, ma un carico di oltre 500 bottiglie di vino la cui provenienza  è in corso d’accertamento. Oltre all’ipotesi di ricettazione per il furgone rubato, sui 3 convergono le indagini per cercare di chiarire i motivi del possesso di quanto rinvenuto all’interno dell’auto, nell’ipotesi (praticamente una certezza)  che siano beni trafugati durante raid nelle abitazioni. Sull’autovettura e sul materiale sequestrato i carabinieri hanno rilevatole impronte digitali, che ora sono all’esame del Ris di Parma per il confronto con la documentazione conservata nelle banche dati.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *