Estorsioni e rapine ai ragazzini della val d’Enza: presa gang di giovanissimi. In carcere il boss di 19 anni

20/11/2015 –  Le loro malefatte avevano creato non poco  allarme sociale tra Montecchio e Sant’Ilario d’Enza, tanto da imporre un giro di vite nella sorveglianza  dei luoghi frequentati dai ragazzini, presi di mira da una baby gang che taglieggiava  e rapinava i coetanei. 
Ora le indagini dei Carabinieri di Montecchio condotte in sinergia con la Procure di Reggio Emilia e del Tribunale per i minorenni di Bologna, hanno portato a identificare i componenti della banda composta dal capo di 19 anni, da due diciottenni e da tre minorenni. Sono tutti indagati a vario titolo dei reati di concorso in estorsione e rapina aggravata, compiute ai danni di minori tra i mesi di giugno e agosto di quest’anno. 

Il capo della banda, un 19enne residente in Val d’Enza ieri pomeriggio è stato arrestato dai Carabinieri in esecuzione di un provvedimento restrittivo di natura cautelare emesso dal GIP del tribunale di Reggio Emilia su richiesta della procura reggiana concorde con gli esiti investigativi dei mikitari montecchiesi.
 Agivano in bande composte da 2 a 5 ragazzi sotto la regia del loro miniboss ora in carcere il quale,  stando alle indagini, risulterebbe aver partecipato a tutti i colpi, mentre i suoi complici si alternavano. Estorcevano con pesanti minacce soldi e cellulari alle loro vittime, tutti ragazzi minorenni, e in un caso non hanno esitato a usare violenza nei confronti di un minorenne rapinato di una settantina di euro che aveva nel portafoglio.
 Le indagini sono state avviate grazie ai genitori delle vittime che sono riusciti a vincere la paura dei figli, e hanno dato un forte contributo al buon esito delle indagini. Tre sinora gli episodi accertati e riconducebili con certezza ai 6 indagati. Secondo i Carabinieri però le azioni criminose potrebbero essere di più,  anche con la partecipazione di ulteriori  complici, ai danni di altri minorenni che per paura non hanno mai confidato ai loro genitori i soprusi subiti.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *