Dieci ore di colf a 50 euro: ma l’impresa di pulizie ripuliva anche gli ori di casa. Denunciata imprenditrice reggiana

8/11/2015 – Titolare di impresa di pulizie “ripuliva” le abitazioni che la ingaggiavano impossessandosi degli ori di famiglia. A scoprirla i Carabinieri della Stazione di Reggio Emilia che con l’accusa di furto aggravato hanno denunciato alla Procura reggiana una  salernitana di 47 anni residente a Reggio Emilia.

L’imprenditrice accreditatasi nei canali di comunicazione e marketing dei siti online del settore dei gruppi d’acquisto, che permette ai consumatori iscritti di accedere ad offerte giornaliere di buoni sconti utilizzabili presso varie aziende, proponeva prestazioni di pulizie di abitazioni della durata di 10 ore al prezzo di 50 euro.

Un vero affare che ha indotto un reggiano, probabilmente non il solo, a usufruire dei servizi dell’azienda che effettivamente, come concordato, ha eseguito le prestazioni richieste, anzi andando ben oltre. La donna ha sì pulito i vari ambienti dell’abitazione, ma è andata oltre ripulendo anche gli “scrigni” contenenti gli ori di famiglia. La vittima soddisfatta del lavoro ha quindi pagato l’impresaria per poi scoprire di essere stato derubato. I Carabinieri della Stazione di Corso Cairoli, a Reggio Emilia  che l’hanno denunciata per furto, hanno avviato nei suoi confronti indagini mirate nell’ipotesi che la donna abbia agito con analoghe modalità presso altre abitazione “ripulendo” altre vittime. Derubati che potrebbero essere inconsapevoli del furto subito e che magari si stanno scervellando per cercare di capire che fine hanno fatto i preziosi “spariti” dai loro scrigni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *