Cerca di sfregiare la moglie col ferro da stiro incandescente. Arrestato dopo feroci pestaggi, non potrà più avvicinarsi a lei

9/11/2015 – Arrestato nel 2013 per maltrattamenti,  la moglie lo aveva perdonato riprendendolo in casa appena un mese dopo l’arresto.

Dopo un periodo relativamente tranquillo, le violenze sono riprese e ieri sera a tarda ora è brutalità dell’uomo è letteralmente esplosa, con un pretesto surreale

Indispettito per il fatto che la moglie avesse comprato un paio di  scarpe al figlio, si è avvicinato a lei mentre stirava e le ha strappato di mano il ferro da stiro incandescente,  cercando di colpirla. Non c’è riuscito solo grazie alla prontezza della donna, che ha scivato il colpo. Non contentol’ha afferrata per i capelli prendendola a schiaffi. La donna quindi ha chiesto  l’intervento dei carabinieri: quando la pattuglia è arrivata, però, lei ha detto che non avrebbe denunciato il marito, senza entrare nei dettagli dell’accaduto.

L’intervento dei militari ha fatto imbestialire ancora di più l’uomo, che ha aggredito nuovamente  la moglie che riusciva ad  aprire la porta d’ingresso dell’appartamento per fuggire dalla violenza, ma veniva scaraventata a terra.

Alle urla della vittima, una vicina di casa ha soccorso la malcapitata, l’ha fatta rifugiare  a casa sua insieme e ai suoi due figli minori e ha chiamato i Carabinieri.

Questa volta la donna oltre a raccontare i dettagli della lite precedente e ciò che era appena accaduto, ha deciso di sporgere denuncia. Alla luce dei fatti l’uomo, un 41enne residente a Reggio Emilia con precedenti specifici – ma di cui non è stata resa nota la nazionalità – veniva dichiarato in stato d’arresto per  maltrattamenti in famiglia. Questa mattina comparso davanti al Tribunale di Reggio Emilia dopo la convalida dell’arresto veniva rimesso in libertà con l’allontanamento dal domicilio domestico e il divieto di avvicinamento alla moglie. Verrà processato agli inizi di dicembre.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *