Banda del buco al caseificio di Quara di Toano, ma il colpo fallisce. Malviventi messi in fuga dai carabinieri

Un colpo studiato nei minimi particolari: l’obiettivo dei malviventi erano forme di parmigiano reggiano stoccate nel magazzino stagionatura del rinomato caseificio di Quara di Toana. Ma il tempestivo intervento dei Carabinieri ha scongiurato il furto e messo in fuga tre malviventi. A seguito delle numerose razzie di queste settimane, i militari  hanno intensificato i controlli sulle latterie che producono il parmigiano reggiano. e i primi risultati si vedono.

L’altra notte poco prima dell’una una squadra  di malviventi, dopo aver praticato un buco sulla parete esterna della lateria sociale di Quara, in corrispondenza del magazzino di stagionatura, ha cominciato a fare man bassa di forme parmigiano. Una ventina le forme già portate all’esterno quando a causa dell’allarme i malviventi erano costretti a fuggire abbandonando la refurtiva.

Mentre i Carabinieri intervenuti sul posto avviavano le ricerche dei malviventi il casaro riportava all’interno le forme di parmigiano, e chiudeva il buco nella  parete.  Carabinieri della Compagnia di Castelnovo Monti nell’ipotesi, poi rivelatasi fondata, che la banda sarebbe tornata, ha comunque presidiato la zona: e infatti poco dopo le 3 i malviventi sono tornati sul posto: entrati nelle pertinenze del caseificio (erano in tre) alla vista della pattuglia fuggivano in direzione dei boschi, riuscendo a dileguarsi. I luoghi venivano ripristinati e rimessi in sicurezza con i carabinieri che avviavano le indagini per identificare gli autori del colpo fallito. Solo qualche giorno fa a San Giovanni di Querciola gli stessi Carabinieri di Castelnovo Monti avevano intercettato un furgone carico di forme di parmigiano reggiano: anche in quel caso i Carabinieri recuperarono la refurtiva.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *