Al S. Maria Nuova due sportelli a induzione magnetica per i deboli d’udito
Li ha donati Amplifon

29/11/2015 –  Due sportelli dei dodici che offrono servizi al pubblico nel settore polifunzionale dell’ospedale Santa Maria Nuovaa Reggio Emilia  sono dotati del sistema ad induzione magnetica utile ai portatori di protesi acustiche.

È stata Amplifon a donare le apparecchiature, manifestando attenzione nei confronti di quanti incontrano difficoltà uditive in ambienti affollati e rumorosi. I problemi di udito creano difficoltà di comunicazione e generano barriere invisibili, favorendo l’isolamento ed il senso di inadeguatezza dei soggetti che ne soffrono. La tutela si rivolge alle fasce più deboli della popolazione tra cui gli anziani. L’efficacia del sistema di induzione, segnalato da un cartello che reca un logo ben noto ai portatori di handicap uditivi, consiste nel creare un campo magnetico in un ambiente circoscritto. Tale campo, totalmente privo di effetti dannosi sulla salute, permette di percepire distintamente la voce umana neutralizzando i rumori di fondo. La donazione è stata fatta in occasione del quarantennale della sede reggiana di Amplifon.
Nell’area polifunzionale, il cui taglio del nastro è avvenuto in occasione del compleaano del Santa Maria Nuova il 15 Maggio scorso, sono unificati i percorsi dell’utenza relativi a prenotazione, pagamento, accettazione in urgenza, con significativo vantaggio nello svolgimento degli iter amministrativi e nella riduzione delle attese. Ad essa si rivolgono in media 1.000 persone al giorno.

Due sono gli sportelli con accesso preferenziale per persone con disabilità, selezionabili attraverso la numerazione progressiva di prenotazione prima dell’accesso all’area di attesa. Su questi è stato installato il sistema a induzione magnetica.
Il  Direttore generale Antonella Messori commenta: “Il settore polifunzionale è luogo di transito ed attesa e si caratterizza per essere, inevitabilmente, rumoroso. Gli utenti che hanno deficit uditivi, spesso i più anziani, possono trovarsi in difficoltà nel recepire le informazioni che vengono loro date dagli operatori e può presentarsi il rischio che non siano intese come dovrebbero. Ringraziamo la sede reggiana di Amplifon per questo gesto di attenzione”.

4 allegati

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *