Delitto nell’Ardèche, Fabio Bassoli ucciso con un tritacarne: l’attrezzo era vicino al cadavere. Il mistero continua

14/10/2015 Fabio Bassoli, il cuoco di 31 anni trovato morto dieci giorni fa nelle alture  di Pont-de-Labeaume, il villaggio del dipartimento francese dell’Ardèche dove viveva da più di dieci anni,  è stato ammazzato con un tricacarne o un tagliere  da cucina: il suo assassino lo ha colpito con violenza più volte alla testa.  Lo scrive Thomas Zimmermann sul Dauphiné Libéré, in un articolo pubblicato questa mattina sull’edizione on line del quotidiano della regione Rhone-Alpes e dell’Alta Savoia.

Un selfie di Fabio Bassoli col suo cane a Pont-De-Labeaume,dove viveva (dal sito del Dauphiné Libéré)

Un selfie di Fabio Bassoli col suo cane a Pont-De-Labeaume,dove viveva (dal sito del Dauphiné Libéré)

L’arma del delitto è stata trovata vicino al cadavere il giorno stesso della scoperta del corpo di Bassoli, avvenuta il 3 ottobre da parte di una persona che faceva jogging nei boschi.

“Un regolamento di conti, o una lite finita in tragedia? Dieci giorni dopo la macabra scoperta del cadavere, il mistero continua”, scrive il Dauphiné Libéré. “L’autopsia compiuta a Nîmes due giorni dopo, ha confermato che il trentenne era morto a causa di parecchi  più colpi alla testa sferrati  con un oggetto contundente.
L’arma del delitto è, secondo le nostre informazioni, un hachoir . L’oggetto è stato trovato vicino al cadavere, e si è anche  anche appreso che le mani della vittima erano legate”.

Bassoli viveva in una casetta isolata, dove la Gendarmerie avrebbe trovato diverse piante di cannabis. Resta il mistero su chi il giovane di Rolo avesse incontrato nel giorno del delitto. Le indagini sono condotte dalla Gendarmerie di Largentièere e dalla Sezione ricerche di Grenoble, coordinate dalla procura di Privas . Tuttavia un’indagine giudiziaria per omicidio volontario – secondo il Dauphiné – sarà aperta nei prossimi giorni dal pool istruttorio di Avignone, che ha la competenza penale sull’Ardeche.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.