Castelnovo Monti, lotta all’azzardo: Tari ridotta del 25% ai locali che tolgono le slot machine

21/10/2015 – Nuova iniziativa del Comune di Castelnovo Monti per il contrasto e la prevenzione dei rischi di dipendenza dal gioco patologico.
L’Ente ha approvato una riduzione della Tari del 25% per i locali che hanno scelto o sceglieranno di dismettere le slot machine”.
“L’obiettivo nateralmente è oorre un freno al gioco d’azzardo, che sta diventando una vera piaga sociale – ha dichiarato l’assessore alke ttività produttive Lucia Attolini – Ma è necessaria la collaborazione degli esercenti, pertanto abbiamo ritenuto necessario fare la nostra parte per incentivare la dismissione di tali apparecchi che portano solo dipendenza, povertà, violenza, e che spesso preparano il terreno a fenomeni malavitosi. Gli esercizi pubblici che hanno aderito sono già stati numerosi, ultimo in ordine di tempo il Pub La Busa di Felina, che ha tolto gli apparecchi che prima teneva nel locale, ma esortiamo anche altri ad aderire a questa iniziativa e a cogliere questa opportunità”.
L’articolo approvato spiega: “Per i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e per le tabaccherie che si impegnano a rimuovere le slot machine che risultavano già installate nei propri locali alla data del 01/01/2015, la tariffa (parte fissa e variabile) è ridotta, a decorrere dal 2015, nella misura del 25%. Per accedere alla presente agevolazione i richiedenti dovranno comunicare al gestore del servizio – su modulo predisposto dal comune – l’avvenuta rimozione nei propri locali degli apparecchi di divertimento sopra citati, impegnandosi ad esporre all’ingresso dei locali il logo fornito dal Comune che dovrà rendere noto ai clienti l’assenza di tali apparecchiature”. 
Per l’anno 2015 la riduzione verrà conteggiata con la rata di saldo. Conclude la Attolini: “Abbiamo già distribuito un buon numero di loghi “slot free” a diversi esercizi di Castelnovo, che hanno scelto di togliere o anche di non cedere alle richieste di installare le slot, nonostante le profferte di ricavi ingenti. Abbiamo poi distribuito in questi esercizi ed in diversi edifici pubblici la “Guida ai rischi del gioco d’azzardo”, contro le ludopatie, realizzata in collaborazione con l’Associazione Onlus Papa Giovanni XXIII di Reggio, che rientra nel progetto regionale Slot Free. Nei prossimi mesi abbiamo intenzione di effettuare altre attività di sensibilizzazione sul tema”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Massimiliano Genitoni Rispondi

    21/10/2015 alle 16:11

    Come M5S siamo molto felici nel vedere attuate misure che chiedevamo già nell’ottobre del 2014 con la nostra mozione per contrastare il fenomeno di diffusione delle “Slot Machines” anche attraverso forme di incentivazione agli esercizi commerciali,dove impegnavamo la Giunta ad attuare forme di disincentivazione dell’utilizzo delle slot machines negli esercizi pubblici presenti sul territorio attraverso agevolazioni e/o sgravi fiscali volti a premiare gli esercizi “no-slot”; regolamentare le distanze da luoghi sensibili, come ad esempio scuole, case di riposo e parrocchie, per le sale di nuova apertura; il rilascio di adesivi identificativi per i locali che aderiranno a questa iniziativa (si ricorda che già la regione Emilia-Romagna ha previsto il rilascio di un marchio specifico “Slot free” ai gestori di esercizi che scelgono di togliere o non installare macchinette per il gioco d’azzardo). Incrementare i controlli degli organi competenti per garantire il rispetto delle leggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *