Ma il Pd rivuole i profughi a tutti i costi: “Tornate ragazzi, vi aspettiamo”. Lanciata petizione anti-Salvini

25/8/2015 – I volontari reggiani di Festareggio, appresa la decisione di sospendere le attività di volontariato dei profughi presso i ristoranti della Festa si sono immediatamente attivati per una raccolta di firme “contro la Lega e a favore della presenza dei ragazzi profughi in Festa”. In circa mezz’ora -riferisce un comunicato della festa Pd – sono state raccolte oltre 100 firme e l’attività di raccolta proseguirà questa sera nei ristoranti. Non solo: il documento contiene l’invito esplicito ai profughi della Dimora d’Abramo a “tornare”: “Tornate ragazzi, noi vi aspettiamo”. La festa in sostanza rivuole i “volontari” profughi ed è decisa anche ad andare contro le decisioni della Prefettura, pur di riaverli.

La “sospensione” viene definita come un fatto “vergognoso e limitativo della libertà di questi ragazzi, che non sono agli arresti domiciliari, ma richiedenti asilo liberi di circolare sul territorio nazionale eliberi,per quanto ci riguarda, di tornare con noi nei nostri ristoranti”. I firmatari danno del fascista a Salvini, pur evitando di usare il termine diretto: parlano di  “strumentalizzazione che ha un sapore antico e pericoloso, che a Festareggio, alle Reggiane, a Reggio Emilia è sempre stato combattuto. E noi, proprio in quei luoghi, continueremo a farlo”. Infine l’invito: “Tornate, ragazzi. I vostri amici vi aspettano”.

“Abbiamo appreso con grande dispiacere che le polemiche aperte in questi giorni sui giornali dalla Lega e dai grillini abbiano avuto come esito la “sospensione” della partecipazione dei ragazzi profughi a Festareggio. Ci pare semplicemente vergognoso e limitativo delle libertà di questi ragazzi, che non sono agli arresti domiciliari, ma richiedenti asilo liberi di circolare sul suolo nazionale. E liberi, per quanto ci riguarda, di ritornare con noi nei nostri ristoranti.

In questi pochi giorni – continuano i volontari di Festareggio – abbiamo fatto amicizia, ci siamo divertiti insieme, abbiamo festeggiato insieme un neopapà. Abbiamo cenato insieme, abbiamo conosciuto le loro storie terribili. C’è, tra loro, chi ha perso l’intera famiglia nel viaggio per arrivare in Italia. Che esistano forze politiche che cercano di ingrassare la loro pancia di consenso facendo sì che questi ragazzi siano costretti a rimanere fermi, invisibili, in qualche stanza magari remota a guardare un muro è di una bassezza vergognosa. Ed è paradossale che per fare ciò, queste cosiddette forze politiche siano disponibili anche a far sì che questi ragazzi siano mantenuti integralmente a spese dello Stato, mentre da noi almeno mangiavano gratuitamente: ma, soprattutto, mangiavano insieme a degli italiani, che sono orgogliosi del fatto che il loro paese natìo sia il sogno di libertà per qualcuno. L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro: noi crediamo che “lavorare” insieme, anche se gratuitamente, sia prima di tutto spiegare cos’è la libertà. Qualcosa che si guadagna quotidianamente, difendendo i valori in cui si crede. Un piatto di tortelli dopo aver servito per una sera ha un altro sapore. Uno dei ragazzi che parla meglio l’italiano, Keita, mentre gli spiegavamo gli attacchi di Salvini, ci ha detto che in Italia è così, è un paese libero dove tutti possono dire quello che pensano. Ha ragione.

E allora noi siamo liberi di dire che sotto tutta questa polemica, a fronte della lezione che questi ragazzi ci hanno dato in queste sere, serpeggia una strumentalizzazione che ha un sapore antico e pericoloso, che a Festareggio, alle Reggiane, a Reggio Emilia è sempre stato combattuto. E noi, proprio in quei luoghi, continueremo a farlo. Tornate, ragazzi. I vostri amici vi aspettano”.

 

I VOLONTARI DI FESTAREGGIO

 

Davide Cocconi, Giorgia Lolli, Matteo Panari, Fulvio Costi, Davide Corradi, Federico Montanari, Federico Parmeggiani, Brioni marzia, Daniele Gareri, Roberta Ibattici, Desy Galli, Giulia Cocconi, Villiam Orlandini, Giuliano Quaiotti, Ivan Mantovi, Roberto Ballabeni, Barbara Bottazzi, Miriam Zanoni, Juri Iemmi, Vasco Bottazzi, Gelindo Cervi, Loredana Boni, Antonio Bianchi, Enrico d’Ecclesiis, Otello Bonori, Franco Miari, Verter Bizzarri, Mirca Davoli, Alessia Manicardi, Graziella Losi, Renzo Casoli, Gianni Torreggiani, Sveno Ferri, Stefano Carpi, Mauro Vicini, Luisa Carbognani, Claudio Bonacini, Giacomo Bertani Pecorari, Annalisa Ferrari, Davide Beddini, Giovanna Davoli, Guglielmo Immovilli, Alfredo Menozzi, Sauro Giovanardi, Giacomo Salami, Angelo Rinaldini, Chiara Saccani, Gianluigi Gozzi, Ottavio Buratti, Vera Bertani, Manuela Giorgini, Marco Rinaldini, Iames Iori, Ortensia Bongiorni, Zita Lusoli, Andrea Bonacini, Luciana Bonacini, Daniela Frigrani, Piera Ferretti, Rosa Boni, Tania Tellini, Decimo Zanichelli, Daniela Zanichelli, Sorana Matei, Medardo Salti, Bruna Fontanili, Giancarlo Incerti, Sisto Pinetti, Alma Bedogni, Patrizia Delrio, Giampaolo Mazzari, Claudio Zaffarano, Claudia Aguzzoli, Chiara Carbognani, Paolo Dallasta, Marzia Filippini, Massimo Magnani, Maurizio Vacondio, Adolfo Ferrari,Corrado Bellesia, Daniele Menozzi, Emanuele Cavallaro, Giulio Guaita, Glauco Ferretti, Quirino Davolio, Roberta Pavarini, Roberto Bertacchini, Monia Caraffi, Elmo Gallinari, Loris Bassoli, Fabio Montanari, Ethel Bassi, Ulianov Soncini, Fabrizio Pelosi, Loretta Sabattini, Gianni Catellani, Cesare Montanari, Giada Guatteri, Jimmy Bigliardi, Chiara Albanese, Paola Baraldi, Chiara Barbieri, Greta Bassi, Antonio Bitonti, Luca Bonacini, Manuele Campani, Emilia Garuti, Gabriele Gatti, Antonio Lucano, Chiara Saccani, Lorenzo Sandri, Jessica Sarvognano, Martina Sforacchi, Gabriele Zattera, Paolo Tamagnini, Lanfranco De Franco, Giuliano Soncini, Roberto Bonini, Gianni Sassi, Enrico Ferrari, Viller Tagliavini, Marco Iotti, Enrico Iotti, Giorgio Bonfagni, Mario Vacondio, Anna Bertolini, Miriam Miglioli, Genny Ferrari, Anita Bergianti, Bruno Strozzi, Gastone Strozzi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *