E pensare che era solo una lite tra vicini. Due africani violenti mandano all’ospedale carabiniere e agente

29/8/2015 – Sassi contro le auto dei carabinieri, calci e minacce di morte ai militari: dovevano ricomporre bonariamente una lite condominiale, un intervento come tanti , e invece si sono ritrovati davanti due uomini che inspiegabilmente li hanno aggrediti, facendo finire in ospedale un carabiniere ed un agente della Polizia Municipale. Solo dopo oltre un’ora di condotta violenta i due energumeni sono stati bloccati, grazie anche all’intervento  di altre pattuglie di Carabinieri e Polizia di Stato giunte in supporto ai militari e agli agenti della Polizia Municipale di Sant’Ilario d’Enza.

Accusati di violenza, minaccia, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale i carabinieri di Sant’Ilario congiuntamente agli agenti Municipale hanno arrestato un 40enne cittadino camerunense e un 22enne .

Ieri sera poco dopo le 21 i carabinieri- su richiesta di altri condomini, a loro volta “rispediti” malamente dai due arrestati ai quali si erano rivolti per una perdita d’acqua dal loro garage – sono intervenuti  in Via I° Maggio  a sant’Ilario per cercare di ricomporre bonariamente la lite. Alla vista delle forze dell’ordine, il 40enne del Camerun oltraggiava e minacciava gli operanti per poi scagliarsi contro gli operanti arrivando a lanciare dei sassi  all’indirizzo delle auto di servizio. In suo aiuto interveniva il suo coinquilino, il nigeriano di 22, che a sua volta aggrediva gli agenti. Solo dopo un’ora, quando sul posto sono interrvenuti altri Carabinieri e Volanti della polizia, il putiferio è cessato con gli arresti. Un militare ed un agente della polizia Municipale sono rimasti feriti: curati al pronto soccorso, sono stati dimessi con prognosi di 5 giorni ciascuno.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. giuse Rispondi

    30/08/2015 alle 15:14

    Possiamo mai fare a meno di queste preziose risorse?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.