Perchè il titolo ha perso il 75%? Il Tavolo Hemingway chiede a Stefano Landi di rispondere

di Mario Paolo Guidetti*Guidetti3

11/8/2015 – Caro direttore,
al tavolo politico letterario Ernest Hemingway del bar di Puianello è approdato uno sconsolato avventore ponendoci alcuni interrogativi che riteniamo doveroso rendere asetticamente pubblici, in modo che chi ha titolo possa a sua volta rendere altrettanto pubblicamente conto.
Il nostro interlocutore contrapponeva, dati alla mano, due figure di imprenditori reggiani che hanno, illo tempore, quotato in Borsa le loro aziende. Nella sua accalorata esposizione non tralasciava dal parlare di loro anche sul piano personale.
Di uno, Fulvio Montipò – Interpump, ne parlava come di self-made man, un uomo che si è fatto da solo. La sua azienda, oggi leader nel mondo, in breve tempo ha aumentato in modo esponenziale il valore delle azioni ed eroga dividendi premiando in tal modo gli investitori. Del “provinciale nato a Baiso” Montipò, ha evidenziato quanto ami poco apparire e, elencandoli, i tanti investimenti personali realizzati sul territorio reggiano.
Del secondo, Stefano Landi – Landi SpA, si chiedeva i motivi per i quali, quotata in Borsa l’ azienda di famiglia a 4 euro per azione (era il luglio 2007), oggi gli investitori che hanno creduto in lui (incluso l’interlocutore del tavolo Hemingway) si trovino il capitale investito depauperato di oltre il 75%, mentre il mercato delle auto a metano e gpl è in forte e costante incremento.

Quell’investitore si chiede e lo chiede ai membri del tavolo Hemingway, il perché della “debacle del titolo” e se il suo investimento potrà essere recuperato.
Ovviamente al tavolo Hemingway non riescono a “guardare nella sfera di cristallo della borsa né dare argomentate spiegazioni”. Però dal tavolo Hemingway possono girare pubblicamente tale domanda a Stefano Landi confidando che questi ritenga di rispondere e, soprattutto, portare elementi che possano tranquillizzare quell’investitore.
* Portavoce tav. Hemingway
 

Be Sociable, Share!

5 risposte a Perchè il titolo ha perso il 75%? Il Tavolo Hemingway chiede a Stefano Landi di rispondere

  1. Alessandro Rispondi

    11/08/2015 alle 16:14

    Che il crollo del petrolio abbia influito qualcosa?

    • Pierluigi Rispondi

      11/08/2015 alle 16:17

      Più che il petrolio, a mio vedere, potè la concorrenza.

  2. Paolo Rispondi

    11/08/2015 alle 17:34

    Analizzando i risultati,tutti a casa.Occorre aria nuova.
    Cambio menagement.

  3. Fausto Poli Taneto Rispondi

    12/08/2015 alle 22:33

    Le azioni aumentano se l’azienda incrementa. Se fanno nuove acquisizioni di mercato. Diminuiscono se l’azienda decrementa. Oppure ci possono esere dei trusti, come capito’ per le azioni di Mariella Burani. Oppure ci sono degli accordi con la Consob, magari oscuri. Finche’ non si fa un’analisi finanziaria di un’azienda, l’investitore e’ sempre appeso a un filo.

    La soc di Torino, che fa impianti metano e gpl, lavora molto con le case auto. Magari la Landi ci lavora meno. Differente se un’azienda, magari miltinaz. lavora su determinati settori particolari. L’automotiv e’ in espansione ma c’e’ tanta concorrenza. Nel settore pompe poremmo essere tra i Paesi col know how migliore.

  4. Anna Rispondi

    07/09/2015 alle 10:04

    Forse non bisogna sforzarsi troppo per capire questa débâcle.
    Titolo quotato in maniera a dir poco esagerata con un unico beneficiario e scelte manageriali che lasciano il tempo che trovano…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *