I Carabinieri di San Polo donano per il pulmino anziani mille litri di gasolio non reclamato da nessuno

6/8/2015 – Le indagini non hanno consentito di individuare i proprietari di mille litri di gasolio rubati e recuperati dai carabinieri di San Polo d’Enza la sera del 30 giugno. Per questo motivo i Carabinieri di San Polo, di concerto con la Procura reggiana, titolare dell’inchiesta, hanno ottenuto l’autorizzazione dal Tribunale di Reggio Emilia a donare l’ingente partita di carburante all’AUSER di Canossa e San Polo d’Enza, per il trasporto di anziani e disabili.

Carabinieri

 

Alle 4  del 30 giugno  una pattuglia dei militari sampolesi era riuscita a sventare un consistente furto di gasolio in un frantoio di ghiaie e pietrisco della zona , recuperando anche due autocarri rubati con due cisterne piene di gasolio: ben mille litri che nessuno ha mai reclamato. I ladri,  colti sul fatto mentre erano già intenti a prelevare il carburante da una pompa di distribuzione, agevolati dal buio, all’arrivo dei Carabinieri si erano dileguati per le campagne limitrofe facendo perdere le loro tracce. Onde evitare inutili costi di custodia, al termine delle indagini i Carabinieri sono stati autorizzati dal tribunale di Reggio Emilia a devolvere il carburante alle Auser di Canossa e San Polo d’Enza, che  sarà consegnato materialmente domani.  Consistente il recupero della refurtiva: i malviventi hanno dovuto abbandonare i 1.500 litri di gasolio rubati dalla cisterna del frantoio  (e restituito) e i due autocarri,  spariti la settimana precedente a Gattatico e Montechiarugolo, sui quali erano caricate due cisterne della capienza di 500 litri ognuna piene di altro gasolio: quelli, appunto, donati all’Auser per il pulmino trasporto anziani e disabili.

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Mario Guidetti Rispondi

    07/08/2015 alle 15:00

    Una decisione giusta che onora sia la Magistratura che l’Arma dei Carabinieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.