Due sorelle marocchine annegate nel Secchia a Sassuolo. La terza lotta tra la vita e la morte

4/8/2015 – Due sorelle di origini marocchine di 9 e 18 anni sono annegate nel fiume Secchia, e una terza sorella di 22 anni è in fin di vita all’ospedale di Baggiovara. E’ il tremendo bilancio di quella che doveva essere una giornata di svago per quattro sorelle di una famiglia di Sassuolo che vive da molti anni in Italia: il padre lavora in una ceramica, la mamma è casalinga.

L’allarme è stato lanciato dalla sorellina di 11 anni che, forse perchè non sa nuotare, non era entrata nelle acque in quella zona di Borgo Venezia, nel comune di Sassuolo dove le briglie costruite per rallentare la velocità del fiume delle zone calme ma piuttosto profonde e per questo insidiose per i non esperti.  Inoltre, a quanto risulta, in quel tratto del fiume vige un divieto di balneazione.

La tragedia del Secchia: il recupero di una delle due sorelle annegate

La tragedia del Secchia: il recupero di una delle due sorelle annegate

La tragedia è avvenuta oggi pomeriggio: secondo le prime ricostruzioni, il gruppo delle quattro sorelle si era riunito per un bagno rinfrescante nel corso d’acqua, dopo che le temperature sono tornate ad essere molto elevate, intorno ai 35 gradi . Non è ancora chiaro se le sorelle fossero entrate insieme nel fiume, o se una di loro  trovandosi in difficoltà in acqua abbia chiesto aiuto alle altre.

I soccorritori sono intervenuti in forze, dopo che la ragazzina rimasta sul greto, che ha visto le tre sorelle scomparire sotto’acqua, è corsa a chiedere aiuto ad alcuni operatori che lavoravano poco lontano sulla briglia del fiume.

I corpi delle due annegate sono stati recuperati dai sommozzatori dei Vigili del fuoco a una ventina di metri di distanza l’una dall’altra. La più grande, che ha 22 anni, è stata riportata a terra ancora viva, ma ora è ricoverata a Baggiovara in condizioni gravissime.

Proprio dieci anni fa, una tragedia analoga sul Po di Viadana: un giovane tunisino e una ragazza rumena entrati nel fiume per un bagno, scomparvero da un momento all’altro inghiottiti da un mulinello.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *