Notte brava di un marocchino: furto, inseguimento e schianto. Il fratello lo consegna ai Carabinieri

15/7/2015 – Prima ha superato a velocità folle un’auto dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Reggio Emilia, poi è sfuggito al loro controllo sino a finire la sua corsa contro il muro di recinzione di un centro sportivo.

Questa in estrema sintesi la notte brava un giovane marocchino abitante a Cavriago che, alla fine della sua bravata, ha fatto collezione di denunce.

Attorno alle 2.30 di questa notte, una pattuglia di Reggio Emilia si è vista superare, in pieno centro abitato, da un’Alfa 147 lanciata ad alta velocità. Inevitabile l’intervento degli uomini dell’Arma che hanno cominciato a tampinare l’auto intimando al conducente di fermarsi. L’autista ha tentato in più modi di sfuggire ai Carabinieri, e l’inseguimento si è concluso solo a Sant’Ilario quando, perso il controllo del mezzo, il marocchino si è schiantato contro la recinzione di un centro sportivo.

Vistosi alle strette  ha abbandonato la machina per fuggire attraverso i campi. Gli uomini dell’Arma, identificato il fuggitivo in un giovane cavriaghese di origini marocchine, hanno subito bussato alla porta di casa ove hanno trovato il fratello maggiore al quale è stato narrato quanto accaduto. Venuto a conoscenza dei fatti, è stato proprio il fratello a rintracciare il fuggitivo accompagnandolo in caserma affinché venisse messo di fronte alle proprie responsabilità. Ai carabinieri ha raccontato di essersi comportato così perchè non ha la patente di guida, in realtà nell’auto i carabinieri hanno trovato generi alimentari per 300 euro rubati dal giovane nell’azienda di Gattatico dove è assunto.  Per il marocchino, quindi, è scattata la denuncia per i reati di guida senza patente, resistenza a pubblico ufficiale e furto, per i quali ora dovrà rispondere dinanzi all’Autorità Giudiziaria reggiana.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.