Salvataggio delle Fiere, incontro Prampolini-Vecchi. Il sindaco assicura sostegno, ma è scettico

3/6/2015 – La presidente di Confcommercio – Imprese per l’Italia Reggio Emilia, Donatella Prampolini Manzini, ha incontrato oggi pomeriggio il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, per valutare insieme le prospettive di salvataggio del  polo fieristico reggiano.

«Abbiamo esposto al sindaco di Reggio il nostro piano – ha chiarito Donatella Prampolini Manzini- precisando innanzitutto che le notizie apparse questa mattina circa un nostro piano alternativo rispetto a quanto reso noto fin da subito in totale trasparenza sono prive di ogni fondamento.». 

(Questa mattina Prima Pagina ha pubblicato alcune indiscrezioni su una ipotesi che comporterebbe il saldo dei fornitori di Reggio Emilia Fiere con 4 milioni, e il grosso del debito in capo alle banche trasformato in partecipazioni in una società costituita ex novo per il polo fieristico. Ipotesi tuttavia ritenuta impraticabile, nè più né meno come la vendita delle azioni Autobrennero tentata dall’ex presidente della provincia Sonia Masini).

«Il sindaco – ha detto Donatella Prampolini – ha apprezzato l’impegno e gli sforzi dell’associazione e i contenuti del piano, pur manifestando qualche riserva sulla possibilità che possa essere accolto dagli organi della procedura concorsuale, in considerazione del fatto che il Comune di Reggio si era già fatto portatore di una proposta pressoché identica che, tuttavia, è stata respinta.» Uno scetticismo che si spiega con l’idea del sindaco di fare provvisoriamente uno spezzatino delle fiere (in parte al Campovolo, in parte al palaockey Fanticini e in parte nella struttura di Scandiano, in attesa di tempi migliori.

La Prampolini tuttavia va avanti decisa per la sua strada, anche perché prima o poi tutti quanti dovranno assumersi precise responsabilità.

«I prossimi passi che Confcommercio compirà a questo punto –conclude la presidente – saranno quelli di definire minutamente i dettagli giuridico-economici del piano, quindi condividerli in modo plenario con le organizzazioni d’impresa e, infine, chiedere un’audizione al comitato dei creditori, al giudice delegato e al commissario liquidatore.».

Lunedì la presidente di Confcommercio aveva incontrato il presidente di Legacoop Emilia Ovest Andrea Volta e il presidente di Unindustria Severi, che si sono riservati di sottoporre la proposta agli organi dirigenti delle associazione.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.