ll professor Marco Vinceti nominato nell’Autorità alimentare europea (Efsa)

11/6/2015 – Il professor Marco Vinceti, reggiano, docente di Igiene e Epidemiologia alla facoltà di Medicina di Unimore, è tra i 20 esperti europei di Nutrizione, di cui solo due italiani, che faranno parte dell’Authority per la Sicurezza Alimentare dell’Unione Europea EFSA, con sede a Parma. Vinceti è stato nominato nel panel “Dietetic Products, Nutrition and Allergy” per i prossimi tre anni, a partire dal primo luglio.
La nomina, effettuata dopo un lungo processo di selezione ai massimi livelli accademici europei, comporterà la partecipazione alla messa a punto delle valutazioni sanitarie nei confronti dei prodotti alimentari distribuiti nel territorio dell’Unione Europea e di raccomandazioni di ordine sanitario ed ambientale, richieste dalla Commissione Europea e dagli Stati Membri.
“La nomina del prof. Marco Vinceti – ha commentato il Rettore Angelo O. Andrisano – in un board tanto esclusivo, quanto significativo ed importante, poiché cade nell’anno dell’EXPO 2015, in cui si pone l’accento proprio sui temi della
nutrizione, sottolinea il valore dell’impegno scientifico e professionale di questo nostro docente. Ma, pone in evidenza anche il prestigio di una scuola che vanta una lunga e lusinghiera tradizione di studi in ambito epidemiologico, capace di produrre ricerche originali ed internazionalmente apprezzate. Al prof. Vinceti esprimo naturalmente le congratulazioni mie personali e dell’Ateneo”.
“Sono lieto ed onorato di questa nomina – è stato il commento di Vinceti – e della prospettiva di affrontare presso l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare le problematiche nutrizionali mediante l’approccio che mi è più caro, quello epidemiologico. Sono tuttavia consapevole della complessità scientifica e della responsabilità e delicatezza dell’attività che dovrò svolgere in ambito EFSA, vista la rilevanza delle tematiche trattate per consumatori, legislatori, operatori di sanità pubblica e mondo produttivo.
Confido in tale prospettiva di avere anche il sostegno dei colleghi che operano in questo settore in Unimore e presso altre istituzioni, con molti dei quali ho avuto l’opportunità di collaborare intensamente in questi anni nell’attività di ricerca in epidemiologia nutrizionale”.

MARCO VINCETI
E’ professore associato di Igiene Generale ed Applicata presso Unimore e ricercatore attivo da tempo nel campo dell’epidemiologia quale responsabile del CREAGEN (Centro di
Ricerca in Epidemiologia Ambientale, Genetica e Nutrizionale) di Unimore con sede a Reggio Emilia. Ha conseguito la licenza classica presso il Liceo Ariosto di Reggio Emilia, la laurea in Medicina e Chirurgia eD il Diploma di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva presso Unimore e il dottorato di ricerca in Sanità Pubblica presso l’Università di Milano. Si è formato professionalmente presso l’Istituto di Igiene di Unimore conducendo attività di ricerca nel campo dei determinanti ambientali e nutrizionali delle patologie cronico-degenerative (soprattutto tumori, sclerosi laterale amiotrofica e diabete), con particolare riferimento agli
effetti sanitari dell’assunzione di elementi in traccia e vitamine, tematiche oggetto di studio da tempo presso Unimore da parte del prof. Gianfranco Vivoli e della prof.ssa Paola Borella, fondatori della Società Italiana sugli Elementi in Traccia AISETOV.
Ha svolto un’intensa attività di ricerca sul ruolo della dieta quale fattore di rischio del melanoma e altre patologie neoplastiche in collaborazione col gruppo di ricerca Unimore
di Giovanni Pellacani e con l’Unità di Epidemiologia Nutrizionale dell’Istituto Tumori di Milano, diretta da Vittorio Krogh. Ha effettuato attività di ricerca all’estero presso l’Università di Boston, sotto la guida del noto epidemiologo Kenneth Rothman, e collabora in ambito epidemiologico e nutrizionale con ricercatori di diverse università europee e statunitensi, in particolare dell’Università della California a Los Angeles e a Berkeley. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche in ambito epidemiologico e di sanità pubblica e ha svolto seminari ad
invito presso l’UCLA e l’UC Berkeley, la Boston University, l’Environmental Protection Agency di Washington, l’Università UNAM di Città del Messico e l’Università di Pechino. E’ membro del Direttivo europeo della Federazione Europea delle Società per lo Studio degli Elementi in Traccia, del Direttivo nazionale del Gruppo ‘Ambiente e Salute’ della Società Italiana di Igiene, dell’Editorial Board della rivista statunitense ‘Journal of Environmental Science and Health’ e coordinatore del gruppo di lavoro internazionale sul selenio
della Cochrane Collaboration.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.