Grissin Bon gigantesca schianta Venezia 79-60
Domenica gara 5 senza Lavrinovic e Mussini

UNA GRANDISSIMA GRISSIN BON HA SCHIANTATO VENEZIA IN GARA 4 79-60 BATTENDO ANCHE LA SFORTUNA CHE DOPO LAVRINOVIC HA TOLTO DI MEZZO ANCHE MUSSINI.

Grissin Bon, difesa aggressiva

Grissin Bon, difesa aggressiva

I biancorossi oltre a dover rinunciare a Lavrinovic hanno schierato sul parquet 3 giocatori fondamentali in precarie condizioni fisiche (Cinciarini, Della Valle e Diener) difesa intensissima e altissima aggressività la ricetta con cui Menetti e i suoi ragazzi hanno conseguito una netta vittoria contro un avversario molto quotato che si è arreso nel terzo quarto. Annullati i fuoriclasse dell’Umana Peric, Ress e Goss. Domenicasera alle ore 20.45 gara 5 al Taliercio e martedì 9 giugno alle ore 20.45 gara 6 al Palabigi.

Grissin Bon - Venezia gara 4: la festa finale

Grissin Bon – Venezia gara 4: la festa finale

di Carlo Codazzi

Una grandissima Grissin Bon ha schiantato l’Umana Venezia 79-60 in gara 4. I biancorossi non hanno soltanto superato la Reyer ma hanno dovuto anche battere la “sfiga” che, com’è noto, diversamente dalla dea bendata la benda non ce l’ha e ci vede benissimo.

Grissin Bon, Mussini esce infortunato

Grissin Bon, Mussini esce infortunato

La Reggiana non solo ha dovuto rimediare alla gravissima assenza di Darjus Lavrinovic ma ha dovuto mandare sul parquet giocatori importanti con acciacchi e infortuni vari: Cinciarini combatte da una settimana con l’influenza e ha giocato febbricitante, Della Valle è alle prese con una  tallonite,  Drake Diener è sceso sul parquet con un dito della mano destra fratturato. Nonostante ciò Cincia e compagni hanno fatto appello al loro cuore biancorosso (quello bello stampato sulle maglie che vengono indossate dal pubblico ad ogni match dei play off) e hanno disputato la miglior partita della stagione e , in assoluto una delle gare più belle dei 41 anni della storia della pallacanestro reggiana. La signora sfiga, non soddisfatta, vedendo che la Grissin Bon a 39”57 stava vincendo con un distacco di 21 punti sugli avversari ha pensato bene di far planare Mussini su un piede di Goss e di farlo “scavigliare”.

Cianciarini al tiro lidero

Cianciarini al tiro lidero

Infortunio serio perché, come ha informato coach Menetti nel dopo match, la caviglia del play si è gonfiata come un melone e probabilmente è stata scritta la parola fine alla stagione della giovane stella biancorossa. La serie, ora, è sul 2-2 e domenica sera si giocherà al Taliercio gara 5, mentre gara 6 si giocherà al Palabigi il prossimo martedì. La Grissin Bon ha aggredito subito all’avvio la partita e l’avversario con un’altissima intensità difensiva con penetrazioni e scarichi sotto in attacco.

Grissin Bon la curva dei supporter biancorossi

Grissin Bon la curva dei supporter biancorossi

La Reyer, che forse aveva pensato di avere già la serie in pugno, è andata subito sotto e a 1’05” dalla fine del 1° quarto soccombeva 19-10. La prima frazione si è conclusa 21-15 con un canestro di Aradori. Kaukenas straripante nel  2° quarto in cui la Grissin Bon ha tentato l’allungo decisivo senza però riuscirvi. Venezia ha ripreso quota , approfittando di qualche errore di troppo della Reggiana e ha cercato a sua volta la palla dentro e le conclusioni da sotto crescendo di intensità difensiva. Viggiano con 12 punti segnati nel 1°tempo ha tenuto a galla i suoi e ha permesso di chiudere al riposo lungo sotto soltanto di 3 punti (36-33). Irriconoscibili Peric , Ress e Goss  rispetto a gara 3. Nel 3° quarto la Grissin Bon ha piazzato il break decisivo riuscendo a chiudere la frazione di 12 lunghezze sopra agli avversari (55-43). Frazione che si era chiusa con un gioco da 3 di Della Valle e un fallo di sfondamento sulla sirena da Aradori mentre tirava dalla distanza contrastato da Kaukenas. Nel quarto conclusivo Venezia non c’era più. Peric ha trovato il suo primo canestro a 6’20” dal termine del match sul punteggio di 62-49 per Reggio. Disperato ricorso alla zone press degli ospiti che sono stati definitivamente affondati da tre bombe di Silins che ha mostrato una mano caldissima nella fase finale della gara ( caldissima ma non per il clima, al palazzetto c’era un caldo allucinante) e da una bomba di Mussini.

La Grissin Bon in attacco al PalaBigi in gara 4 contro Umana Venezia

La Grissin Bon in attacco al PalaBigi in gara 4 contro Umana Venezia

A 40” dalla sirena finale Della Valle ha segnato in penetrazione l’ultimo canestro della Grissin Bon (79-58) poi la “sfiga” che ha colpito Mussini inciampato su Goss e uscito dal parquet portato in braccio dal medico e dal massaggiatore.

Della Valle tiro libero

Della Valle tiro libero

Inutili i due liberi finali segnati da Ceron che hanno siglato il 79-60 conclusivo. Reggio ha messo a referto 4 uomini in doppia cifra (top scorer del match Polonara con 16 punti)  Kaukenas MVP di gara 4 con 22 di valutazione. La superiorità della Grissin Bon balza subito all’occhio con un 91 di valutazione complessiva contro il 59 segnato dalla Reyer.

Il cuore biancorosso continua a battere  a ritmi di tachicardia e domenica 7 giugno  dovrà battere Venezia e la “sfiga” al Taliercio.

IL TABELLINO

GRISSIN BON – UMANA REYER VENEZIA 79-60

Parziali: 21-15; 15-18; 19-10; 24-17.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Mussini 7, Chikoko 4, Polonara 16, Diener 2, Cinciarini 13 Della Valle 9, Pechacek, Pini 1, Kaukenas 14, Cervi, Silins 13, Rovatti. Allenatore: Menetti.

UMANA REYER VENEZIA: Stone 7, Peric 3, Goss 6, Ortner 2, Viggiano 14, Jackson 5,  Ruzzier 2, Ress 1, , Nelson 10, Aradori 3,  Ceron 2, Dulkys 5.  Allenatore: Recalcati.
Arbitri:
 Martolini Alessandro, Mazzoni Manuel, Bartoli Mark.

Note:tiri da 2: Grissin Bon 24/45 (53%); Umana Reyer 19/29 (62%) tiri da 3: Grissin Bon 7/22 (32%); Umana Reyer 4/27 (15%); Tiri Liberi: Grissin Bon 10/14 (71%); Umana Reyer 12/16 (75%);  Rimbalzi:; Grissin Bon 36; Umana Reyer 34 Falli: Grissin Bon 21; Umana Reyer 19; Spettatori: 3.500.

Una schiacciata di Silins

Una schiacciata di Silins

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.