Spacciava in casa vicino al centro recupero tossicodimenti: denunciato operaio di Casalgrande

16/5/2015 – Dalla base operativa ricavata nella sua abitazione, adiacente al centro di recupero tossicodipendenti del comune di Casalgrande, gestiva una discreta attività di spaccio di droga.

Ne sono convinti, sulla base di riscontri convincenti,  i carabinieri della Stazione di Casalgrande che hanno denunciato un operaio di 46 anni abitante a Casalgrande, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacent

L’attività investigativa dei Carabinieri ha preso spunto a seguito di diverse segnalazioni, arrivate anche da frequentatori del centro di recupero, su movimenti sospetti e frequenti viavai di giovani da un’abitazione ubicata nelle immediate vicinanze del centro stesso.

I militari l’altro pomeriggio, anche con l’ausilio di  una unità cinofila della Polizia Municipale del comune di Casina, andavano a far visita all’uomo il quale sulle prime ha dichiarato di non aver stupefacenti  ma, alla vista del cane, si è precipitato in camera e ha preso dalla tasca di una giacca due pezzetti di hascisc per un totale di 7 grammi, e li ha  spontaneamente.

I carabinieri però non si sono accontentatidell’atteggiamentocollaborativo dell’uomo: hanno proceduto a una perquisizione, trovando con l’aiuto del cane altri grammi di hascisc in camera e nel garage. L’uomo  finiva in caserma dove i carabinieri procedevano a sequestragli  quanto illecitamente detenuto, denunciandolo alla Procura reggiana per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.