“Parco Ottavi una cazzata storica”. Il sindaco Vecchi fa outing sulla rovinosa speculazione coop (come Fantozzi e la corazzata Potemkin)

22/5/2015 – “Parco Ottavi è stata una cazzata storica”. La frase (non priva di assonanze con la fantozziana “La corazzata Potemkin è una boiata pazzesca“) si riferisce al disastroso investimento Cmr in quella che doveva essere la città-giardino di Reggio Emilia.  Ma non l’ha pronunciata un pericoloso anarco-ambientalista, e nemmeno un grillino arrabbiato. L’ha detta solennemente il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi alla tavola rotonda col professor Mosconi, con Max Panarari e Luca Bosi promossa da Boorea, nella sala dei marmi romani dei Civici Musei, sulle sorti della cooperazione.

Il sindco Luca vecchi, al centro, interviene alla tavola rotonda di Boorea

Il sindco Luca vecchi, al centro, interviene alla tavola rotonda di Boorea

Vecchi ha chiarito la sua visione sul futuro urbanistico di Reggio:  “Dobbiamo cambiare mentalità – ha detto – per vedere come si può costruire una città sostenibile. Saremo la prima città italiana e a livello internazionale a promuovere un processo inverso rispetto al passato: non più aree agricole trasformate in aree edificabili, ma aree edificabili che tornano agricole. Lo faremo perché non succedano mai più casi come parco Ottavi, che è stata una cazzata storica”.

Una frase essa stessa storica, è giusto sottolinearlo, e anche coraggiosa perché pronunciata davanti a Luca Bosi, che era dirigente di quella Cmr crollata anche e soprattutto sotto il peso della fantasmagorica operazione parco Ottavi. Dovevano sorgere centinaia, forse migliaia di appartamenti in un contesto da città-giardino con laghetti, parchi, bucolici fiumiciattoli e ponticelli: invece è semiabbandonata, in attesa malinconica di un acquirente dalla liquidazione della coop Reggiolo.

Luca Bosi

Luca Bosi

Viene spontaneo chiedersi dove fosse il sindaco Vecchi quando la Cmr chiedeva gli aumenti di volumetrie e quando apparati comunali e commissioni edilizie approvavano i pollai monofamigliari affacciati sulla via Emilia. Nondimeno l’affermazione di stasera (“E’ stata una cazzata storica”) ha il sapore di un pentimento sincero.

(p.l.g.)

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *