Minaccia e pesta la madre: arrestato per maltrattamenti operaio di 23 anni

16/5/2015 – Nel bel mezzo di un litigio  per futili motivi non ha esitato – ed era già avvenuto in passato – a minacciare la madre prendendole il telefono e interrompendo la comunicazione: la donna chiamava i carabinieri per chiedere aiuto.

Il giovane, un operaio di 23 anni residente nel reggiano, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Reggio Emilia con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Non era la prima volta che o maltrattava i genitori, umiliandoli con offese di ogni tipo e arrivando a mettere le mani addosso alla madre.

Scatti d’ira senza motivo apparente, nei quali l’uomo mandava in frantumi gli arredi e i suppellettili di casa. Da anni si comportava in questo modo: prima le vessazioni psicologiche, le umiliazioni e le minacce – con cadenza quotidiana – poi, nel 2012 anche episodi di aggressione alla madre.

Nell’ottobre del 2013 non aveva esitato ha estrarre un coltello puntandolo alla gola della povera donna, minacciando di sgozzarla. Per quest’ultimo episodio era stato arrestato dai Carabinieri reggiani, venendo liberato al temine di un’udienza di convalida con l’obbligo di non avvicinarsi a meno di 250 metri dall’abitazione dei genitori. Il giovane, che nel passato aveva già seguito un percorso psicologico per i problemi comportamentali, riaccolto in casa alla fine dell’anno scorso dopo un periodo di relativa tranquillità ha ripreso a offendere i genitori, minacciandoli e umiliandoli in maniera pressoché quotidiana. Ieri al culmine dell’ennesima vessazione è stato arrestato. E’ comparso stamani davanti al tribunale di Reggio Emilia per rispondere delle accuse a lui contestate.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.