I danni del crac Orion. Legacoop ha rimborsato il 20% del prestito ai soci. L’altro 20% a ottobre

11/5/2015 – Venerdì scorso si è riunito – presso la Sede della Federconsumatori di Reggio Emilia in via Bismantova 7 – il comitato dei soci prestatori Orion. Il comitato, lo ricordiamo, è nato conseguentemente al concordato ORION, quando un gruppo soci prestatori hanno deciso unirsi con l’assistenza di Federconsumatori,  di fronte al rischio concreto di perdere tutti i risparmi messi della  cooperativa finita in liquidazione fallimentare dopo una storia gloriosa di c entodieci anni.

Dai dati forniti  – comunica federconsumatori – “risulta che la stragrande maggioranza dei soci prestatori si è presentata allo sportello di Legacoop ed ha ritirato il 20% del totale investito nella coop Orion. La somma totale rimborsata sino ad oggi ammonta a euro 1.091.310  su un totale di capitale investito pari, circa, a 5 milioni e 500 mila euro”.

La seconda trance, corrispondente a un ulteriore 20% della somma investita, sarà erogata entro il mese di ottobre 2015. Per assicurarsi che l’appuntamento di ottobre non slitti, non subisca ritardi o non vi siano generici cambi di rotta, il comitato, ha chiesto ed ottenuto un incontro con il Presidente di Legacoop Dott. Volta  per il giorno 8 Giugno 2015.

Il comitato – malgrado siano passati  due anni e mezzo dalla promessa fatta dall’allora presidente di Legacoop Simona Caselli – ha espresso soddisfazione per l’erogazione della prima trance ed è certo che le procedure relative al versamento della seconda tranche avverranno secondo i termini prestabili.

Una terza ed ultima tranche, corrispondente al 10% dell’investimento iniziale (che andrebbe a completare definitivamente i versamenti da “rimborsare” ai soci prestatori) è ancora in fase di contrattazione. In sostanza i soci prestatori – in gran parte pensionati che avevano messo nella cooperativa la loro liquidazione – riuscirebbero a recuperare la metà del loro investimento.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.