Pagliani, la Dda non ricorre in Cassazione. Il senatore Gasparri esulta e incoraggia l’amico Giuseppe: “Vai avanti in politica”

10/4/2015 – Giuseppe Pagliani ha subìto un arresto “tanto spettacolare quanto illegittimo” perchè ha denunciato gli abusi del sistema “rosso” emiliano. È la sostanza di quanto afferma il senatore Maurizio Gasparri di Forza Italia, in una dichiarazione diramata a seguito della rinuncia da parte della Dda di Bologna di ricorrere Cassazione contro la sentenza del Riesame che ha scarcerato l’avvocato di Arceto dopo 22 giorni di ingiusta detenzione, annullando l’ordinanza del Gip emessa su richiesta del pm Mescolini nell’ambito dell’inchiesta Aemilia. 
Gasparri incoraggia “l’amico Giuseppe” ad andare avanti con rinnovato vigore nella sua azione politica. 

“Registro con immenso piacere la notizia della mancata presentazione del ricorso in Cassazione da parte della procura di Bologna contro l’ordinanza con cui il Tribunale della Libertà ha disposto a liberazione dell’avv. Pagliani – scrive il senatore Gasparri – Il riesame aveva integralmente smontato in ogni suo punto l’indagine nei confronti del Capogruppo di
Forza Italia a Reggio Emilia, la cui estraneità totale alle accuse è emersa in modo chiaro e lampante”.

E aggiunge: “E’ incredibile come sia stato effettuato un arresto tanto spettacolare quanto illegittimo nei confronti di un consigliere di opposizione che non ha mai avuto alcun potere decisionale in una provincia da sempre governata dalla sinistra. L’amico Giuseppe ha avuto il merito, e per qualcuno forse la colpa, di denunciare prima di ogni altro temi e abusi di un sistema cooperativo rosso (emiliano e non solo) che oggi, più che mai, si è scoperto essere in parte anche un tempio del malaffare.

Il coraggio e la determinazione che Giuseppe ha avuto in tutte le sue battaglie – comclude Gasparri – devono guidarlo, con rinnovato vigore, nell’azione politica e propositiva che sino a qui ha portato avanti”

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *