Giornate laicità: oggi Beppino Englaro, Pippo Civati e Filomena Gallo. Giornata clou su diritti civili e abolizione del Concordato

9/4/2015 – Si accende il dibattito sui diritti civili alle Giornate della Laicità di Reggio Emilia.  A parlarne, domenica 19 aprile presso l’Università di Modena e Reggio  (Palazzo Don Dosseti, viale Allegri) ci saranno, tra gli altri, Beppino Englaro, il parlamentare PIppo  Civati e Filomena Gallo, segretario nazionale dell’associazione Luca Coscioni.
Civati e Gallo affronteranno (ore 16.30) lo stato d’attuazione dei diritti civili in Italia e, in particolare, il ruolo della politica e del giornalismo nel dare voce ad una affermazione dei diritti. Un riflessione che parte da lontano, dalla stagione degli anni Settanta in cui tante furono le conquiste in materia, come il diritto all’aborto e all’autodeterminazione della donna, per capire lo stallo della situazione attuale e le prospettive future.
A Beppino Englaro, insieme a Eugenio Lecaldano, Carlo Flamigni, Enzo Marzo, Maurizio Mori, spetta invece il compito di aprire la giornata (ore 10.00) per la presentazione dell’Istituto dei laici italiani (ILI). Un nuovo organismo, nato dall’impegno di Fondazione Critica Liberale, Iniziativa laica e Politeia, con l’obiettivo di orientare il dibattito nazionale su un progetto complessivo di trasformazione e cambiamento in senso laico del Paese e diventare protagonisti di una nuova stagione di diritti civili. L’incontro è a ingresso libero.
La mattinata prosegue alle 11, con l’incontro tra Demetrio Neri, membro del Comitato nazionale per la Bioetica, e Maurizio Mori, professore di Bioetica all’Università di Torino, sulle sfide connesse alla biologia sintetica, un recentissimo indirizzo di ricerca nel campo delle scienze della vita, sviluppato negli anni Duemila negli Stati Uniti e da allora in continua crescita, che mira a ridisegnare i circuiti metabolici e genetici degli organismi viventi per affrontare con nuovi strumenti problemi come le malattie, la produzione d’energia e l’inquinamento.
Dopo la pausa pranzo, il dibattito riprenderà (ore 15) con il dialogo tra Carlo Troilo, giornalista e membro dell’Associazione Luca Coscioni, e Maria Laura Cattinari, presidente dell’Associazione Libera Uscita, sul Fine vita e sull’urgenza di una legge che consenta di rapportarsi a tale condizione con dignità, nella piena espressione del proprio volere, e che finalmente sancisca il diritto di ciascuno all’autodeterminazione.
La giornata si chiuderà alle 18 con il dibattito tra il giurista e magistrato della Corte dei Conti Sergio Lariccia e il giornalista Enzo Marzo sul rapporto tra Stato e religione: un dibattito che rilancia il tema dell’abolizione del Concordato. 
Tutti gli incontri si svolgono nell’Aula Magna. L’ingresso agli incontri è gratuito per gli iscritti di Iniziativa laica (tessera ARCI+Iniziativa laica 20 euro, solo Iniziativa laica 10 euro). Per i non soci il costo di ciascun biglietto è di 3 euro.
 
 
Le Giornate della laicità sono organizzate da Iniziativa laica in collaborazione con Arci Reggio Emilia, Politeia – Centro per la ricerca e la formazione in politica ed etica – e Fondazione Critica Liberale. La direzione scientifica delle Giornate della Laicità è affidata al professore Carlo Flamigni, uno dei maggiori esperti di fisiopatologia e padre della fecondazione assistita, e al comitato scientifico formato da Telmo Pievani, Maurizio Mori ed Enzo Marzo.

BORSE DI STUDIO A QUATTRO STUDENTI REGGIANI

19/4/2015 – Sono state consegnate questa mattina, in apertura della sesta edizione delle Giornate della laicità, le quattro borse di studio messe a disposizione da Cgil Reggio Emilia e Fondazione Reggio Tricolore per gli studenti autori dei migliori elaborati realizzati nell’ambito del ciclo di lezioni sui valori della Costituzione e su scienza ed evoluzione, organizzati nelle scuole superiori di Reggio Emilia e provincia da Iniziativa laica. Il ciclo di lezioni, svoltosi tra gennaio e marzo 2015, ha costituito un importante prologo delle Giornate della laicità e ha coinvolto circa 2.500 studenti e 8 scuole: Il liceo Classico/Scientifico Ariosto/Spallanzani, il Liceo scientifico A. Moro, il Liceo Artistico G. Chierici, l’Istituto superiore liceale Matilde di Canossa, l’istituto tecnico Scaruffi-Levi, L’Istituto Tecnico Pascal BUS, l’Istituto L.Nobili, l’Istituto comprensivo di Quattro Castella-Vezzano sul Crostolo.
I vincitori delle borse di studio sono stati: pari merito al primo posto Anna Salsi, classe 5G liceo Matilde di Canossa, e Giovanni Crotti, classe 4D del liceo scientifico Aldo Moro; al secondo posto Emanuela Ferroni, classe 4D liceo  Matilde di Canossa; terzo premio per il gruppo di studenti composto da Dorotea Castro, Silvia Soprani, Alice Saponi, classe 4 H liceo Artistico G. Chierici. 
Le quattro borse di studio sono intitolate alla memoria dei docenti reggiani professor Giuseppe Anceschi e professoressa Annamaria Parrinelli, iscritti a Iniziativa laica e scomparsi prematuramente.
 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *