Festa della Liberazione a Reggio: Graça Machel,
vedova di Mandela, parla in piazza Martiri

24/4/2015 – Un 70° Anniversario della Liberazione all’insegna dei diritti civili, dell’infanzia e della donna, dell’amicizia fra i popoli, quello che Reggio Emilia celebra 25 Aprile, con un’ospite speciale, invitata dal sindaco Luca Vecchi: Graça Machel, presidente Fondazione per lo Sviluppo della comunità (Fdc).  Alle ore 10.45, Graca Machel parlerà dal palco di Piazza Martiri del 7 luglio insieme al sindaco Luca Vecchi e al presidente dell’Anpi Giacomo Notari. Nel pomeriggio Graca Machel sarà ospite al Museo Cervi dove interverrà alle ore 15.00 dal palco principale.

Graça Machel

Avvocato internazionale che si batte da sempre per i diritti umani, delle donne e dei bambini, Graça Machel è esponente politico di rilievo dell’Africa australe e militante anti-apartheid, ed è stata moglie di due grandi leader dell’Africa libera e indipendente: Samora Machel, presidente della Repubblica del  Mozambico e alla sua morte, in anni più recenti, di Nelson Mandela, presidente della Repubblica del  Sudafrica.

Siamo felici di questa visita a Reggio Emilia di Graça Machel, nei giorni della Festa per i 70 anni della Liberazione e della fine per noi delle atrocità della seconda guerra mondiale – dice il sindaco Vecchi – Insieme con il presidente dell’Anpi Giacomo Notari, che sarà a sua volta con noi il 25 Aprile, tutti potremo ascoltare la sua testimonianza di donna impegnata per la libertà, la dignità dell’uomo, la difesa e l’educazione dei bambini, la legalità e la pace.

Questo 70° sarà per Reggio Emilia, città Medaglia d’oro della Resistenza, una data davvero speciale: il programma che il territorio reggiano tutto proporrà sarà particolarmente ricco e denso di significati – grazie al contributo delle istituzioni, degli istituti storici, delle associazioni, degli ex partigiani, ma anche di moltissimi giovani. Come scrisse Piero Calamandrei, chi vuole conoscere i luoghi dove sono nate la Costituzione e la democrazia italiana, vada in visita dove i partigiani hanno combattuto, talvolta a prezzo del loro eroico sacrificio”.

Il programma del 70° Anniversario della Liberazione a Reggio Emilia prevede:

25 aprile

ore 9.45 Messa nella Basilica della Ghiara in suffragio dei Caduti

ore 10.30 Corteo da corso Garibaldi a piazza Martiri del 7 Luglio. Deposizione corona ai monumenti dei Caduti della Resistenza e Caduti di tutte le guerre

ore 10.45 Piazza Martiri del 7 Luglio: celebrazione del 70° Anniversario della Liberazion 

PARCO SAMORA MACHEL E NELSON MANDELA

Domenica 26 aprile si terrà, alle ore 11, l’intitolazione del parco “Samora Machel” situato in via Tonino Gualtieri, a fianco della passeggiata Crostolo, lato Rivalta. L’inaugurazione vedrà la presenza di rappresentanti delle associazioni e delle comunità di stranieri di Reggio Emilia e di una rappresentanza della scuola primaria IV Novembre di Gavasseto. Alle ore 12 si terrà l’inaugurazione del parco dedicato a Nelson Mandela con ingresso tra via M.L. King e via Luthuli (zona Buco Magico), in questo momento saranno i ragazzi di Spazio Raga a proporre un’esibizione di percussioni.

LECTIO MAGISTRALIS SULL’EDUCAZIONE

Lunedì 27 aprile, alle ore 9, Graca Machel sarà ospite al Centro Internazionale Loris Malaguzzi per l’evento finale del progetto europeo Educa, dove terrà una lectio magistralis che vedrà interventi anche di rappresentanti anche dei paesi partner, Mozambico e Brasile. Tema della giornata il ruolo dell’educazione come elemento di coesione nelle comunità locali, in particolare Machel affronterà il tema “Educazione e comunità, una sfida globale”. All’incontro interverrà anche l’onorevole Lia Quartapelle, Segretaria della Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati.

L’iniziativa è aperta al pubblico fino ad esaurimento posti, è possibile iscriversi scrivendo a [email protected] o telefonicamente contattando il numero 0522.456654.

Note Biografiche

Impegnata a livello internazionale per i diritti delle donne e dei bambini, è stata combattente per la liberazione del Mozambico e poi Ministro dell’Educazione e della Cultura (unica donna al Governo) dal 1975 al 1989. Presiede la Fondazione per lo sviluppo delle comunità del Mozambico ed è tra i membri fondatori dell’organizzazione non-governativa The Elders.

Nel 1973, quando era ancora insegnante, prende parte al Fronte di liberazione del Mozambico, prima come ministro. Successivamente, come portavoce dell’Organizzazione nazionale dell’infanzia del Mozambico, ha investito nell’educazione, raddoppiando il numero di bambini e bambine iscritte nella scuola primaria. In seguito si è impegnata nella relazione con le famiglie e la presa in carico dei bambini vittime della guerra civile che ha colpito il suo paese.

Nel 1994 il Segretario generale delle Nazioni Unite ha incaricato Graca Machel come esperta indipendente, impegno che portò alla produzione del cosiddetto “Machel Report” sui bambini vittime di conflitti. Il report indicava come elemento primario di riabilitazione e integrazione sociale dei bambini vittime del conflitto, l’incremento delle opportunità di accesso all’educazione e alla formazione.

Nel 1995 riceve una delle massime onorificenze del sistema delle Nazioni Unite, la Nansen Medal, per il suo contributo nelle politiche sociali e per il suo impegno per l’infanzia.

Attraverso la sua Fondazione promuove lo sviluppo di diverse realtà della società civile mozambicana, promuovendo la giustizia sociale ed economica. Ha partecipato a diverse iniziative di carattere internazionale per la prevenzione di conflitti, la promozione della pace, dello sviluppo e dell’educazione, tra cui: Fondazione delle Nazioni Unite, il Forum delle insegnanti donne dell’Africa, l’Africa Leadership Forum. E’ presidente della Soas di Londra, è stata delegata Unicef per la conferenza del 1998, è presidente nazionale della commissione Unesco, è stata nel comitato promotore della Conferenza mondiale dell’Educazione del 1990, ha ricevuto diversi premi da organizzazioni e stati di tutto il mondo. Dal 1975 al 1986 è la first lady del Mozambico – moglie Samora Machel. Nel 1998 sposa Nelson Mandela con cui vive fino alla morte del leader sudafricano, nel dicembre 2013.

Sempre nell’ambito del 70° Anniversario della Liberazione, sono previste altre iniziative, già dal 24 aprile e fino al 2 giugno.

Fino al 25 aprile

Chiostri di San Domenico, Via Dante Alighieri 11

Mostra ‘Resistenza e Arte: pittura partigiana’

orari di apertura: martedì-sabato: 9.30-13 e 15.30-19; domenica: 10-18

Promossa da Istoreco, ANPI e ARS

24 aprile

ore 10

Scuola Ghiarda, via Ghiarda 28

Commemorazione caduti Ghiarda

Corteo dalla scuola Ghiarda al cippo dei caduti

Promosso da Associazioni Partigiane, Istituto Comprensivo

Don Pasquino Borghi, Camera del lavoro territoriale Reggio Sud

ore 14

Partenza da Botteghe – Canali

Sentiero Partigiano

Percorso con partenza da Botteghe – Canali

fino all’ingresso alla città nel quartiere di San Pellegrino

Promosso da Istoreco

ore 20.30

Circolo Arci Pigal, via Petrella 2

Spettacolo Le nostre radici – La canzone epica.

Il lungo viaggio dalla Grande Guerrra agli anni ‘70.

Letture e canzoni del gruppo ‘Zingari o Re’.

Promosso da Cooperativa Case Popolari di Mancasale e Coviolo, ANPI,

Circolo Arci Pigal

ore 21

Chiostri di San Domenico, via Dante Alighieri 11

Proiezione del film documentario Sabotatori

(Italia/Germania 2015) di Matthias Durchfeld e Nico Guidetti

Promosso da Istoreco

25 aprile

ore 12.30

Gattatico, Museo Alcide Cervi

Visita di Martin Schulz, presidente del Parlamento Europeo, Laura Boldrini presidente della Camera dei Deputati e Gianni Pittella, presidente Gruppo S&D del Parlamento Europeo.

ore 15.30

Concerto della Liberazione

con Filippo Andreani, Modena City Ramblers, Me, Pek E Barba

ore 21

The Bluebeaters in concerto

Promosso da Istituto Alcide Cervi, ANPI, Libera, CIA, School of Democracy, Comune di Reggio Emilia, Provincia di Reggio Emilia, Regione Emilia Romagna, Comune di Campegine, Comune di Gattatico

25 aprile

ore 18

Chiesa di San Pellegrino

Onoranze al cippo del partigiano Bruno Bonicelli ‘Grappino’ caduto in combattimento il 24 aprile 1945

Promosso da Alpi

1 giugno

ore 21

Tecnopolo di Reggio Emilia, Piazzale Europa 1/A

Proiezione del film “Pullman numero 16” (Italia 2015) di Paolo Borciani

Promosso da Istoreco

2 giugno

ore 10

Tecnopolo di Reggio Emilia, Piazzale Europa 1/A

Presentazione del libro ‘Il futuro non si cancella’, sulla ricerca dei 15 anni del Viaggio della Memoria con l’autrice Margherita Becchetti ed altri ospiti internazionali.

Promosso da Istoreco

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.