Investimenti per l’Expo, quasi un milione di euro dalla Camera di commercio

17/4/2015 -Con l’ultima assegnazione pari a 100 mila euro euro destinati a I Teatri  di Reggio Emilia per il programma di aperture straordinarie, salgono a 450 mila euro le risorse impegnate in modo specifico e diretto dalla Camera di Commercio a sostegno delle imprese e del territorio reggiano in vista di Expo 2015. Ma se alpaniere si aggiungono le azioni indirette, i fondi Expo-orientend sfiorano il milione di euro.

Paola Silvi

Paola Silvi

Un evento – sottolinea la vicepresidente dell’Ente camerale, Paola Silvi – che sicuramente offre alcune opportunità immediate, ma che va visto soprattutto come stimolo allo stabile miglioramento della visibilità del nostro territorio e della nostra offerta all’estero, che richiede competenze, continuità di lavoro, azioni di marketing, uso di nuovi strumenti di comunicazione che oggi rappresentano un patrimonio consolidato per meno del 10% delle imprese reggiane. E’ proprio in questa prospettiva che abbiamo lavorato, considerando Expo come uno strumento di traino della nostra economia, dal turismo e servizi ai prodotti d’eccellenza, per far sì che gli effetti dell’Esposizione possano andare ben oltre il tempo dell’Esposizione universale”.

Gli investimenti camerali sullo specifico capitolo di Expo, come si è detto, valgono 450mila euro, e includono i sostegni (100.000 euro) assicurati a Palazzo Magnani per la mostra dedicata a Piero della Francesca, quelli destinati a I Teatri per l’“Open Theatre” progettato in occasione dell’Esposizione e i finanziamenti ai progetti lanciati da associazioni e altri soggetti per accrescere la visibilità di imprese e territorio.

In questo caso – osserva la vicepresidente della Camera di Commercio – la priorità è stata assegnata proprio alle iniziative maggiormente orientate all’internazionalizzazione anche in prospettiva, perché è evidente che Expo potrà avere alcune ricadute immediate (sui servizi di ricettività, ad esempio), ma per altri comparti è necessario lavorare su un arco temporale assai più lungo.

In campo turistico, ad esempio, occorre un miglioramento complessivo della nostra offerta e della nostra riconoscibilità nel tempo, anche perché nei mesi di Expo vi sono territori la cui competitività e la cui attrattività sono già note: penso a Verona, a Venezia, a Torino, a Roma e alla stessa Bologna, tanto per restare in regione”.

Proprio per questo – prosegue la vicepresidente della Camera di Commercio – agli investimenti diretti e specifici si sono associate altre iniziative che prendono spunto da Expo, ma guardano ben oltre. E’ il caso, ad esempio, del progetto regionale sul turismo enogastronomico di qualità, attorno al quale sono state coinvolte ben 107 imprese reggiane, che rappresentano, da sole, un terzo di quelle interessate in Emilia-Romagna, e che insieme a Consorzi di tutela, Apt Servizi e Club di prodotto saranno protagoniste di una settimana di animazioni nella “Piazzetta” di Expo, grazie al coordinamento di Unioncamere regionale”.

Va nella stessa direzione – spiega Paola Silvi – l’intensificazione del programma di incoming di operatori commerciali stranieri nei mesi di Expo e, ancora, la particolare attenzione ad Expo che investe anche il tradizionale Concorso enologico “Matilde di Canossa-Terre di Lambrusco”, con un Educational Press Tour (con visite nel territorio e ad aziende vinicole locali) rivolto ad opinion leader del settore wine e del settore  enogastronomico”.

Se consideriamo anche questi impegni – conclude la vicepresidente camerale – gli investimenti direttamente e indirettamente legati ad Expo vanno a sfiorare il milione di euro, con un ventaglio di azioni e iniziative che vanno a sostenere i diversi elementi di attrattività del nostro territorio, e, soprattutto, a proiettarlo maggiormente verso una relazione stabile con il mondo e l’ampliamento del numero delle imprese che in questa relazione si possono inserire”.

 

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. mario Rispondi

    18/04/2015 alle 07:55

    Ottime le scelte. Però mi aspetto dalla CCIAA e non solo un intervento significativo per le imprese, mutuando eventualmente da quella di Milano! L’economia , per assicurare occupazione, reddito e , perchè no, godimento anche dei Teatri, ha bisogno di imprese efficienti ed iniziative al riguardo, specie oggi.

Rispondi a mario Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *