Altro che vini di D’Alema, Coop Adriatica compra 60 mila copie del libro di Landini (con i soldi dei soci)

4/4/2015 – Volete scrivere un libro, coprire le spese e guadagnarci su? Nessun problema: componete il numero della direzione centrale di Coop Adriatica (Casalecchio di Reno), chiedete del presidente Adriano Turrini e proponetegli di comprare non meno di un cinquantamila copie. Non dirà di no, specialmente se è lui a scrivere la prefazione. 
Così è accaduto per il libro opera prima di Maurizio Landini, “I miei primi Primo Maggio” edito dalla casa editrice “Io e il mondo di TJ”, certamente un capolavoro della letteratura politica: Coop Adriatica ne ha comprate la bellezza di sessantamila copie, ovviamente senza chiedere nulla ai soci del colosso  distributivo e tanto meno ai soci prestatori, che forse qualcosa avrebbero da dire a fronte di un indebitamento finanzario netto di 784 milioni (bilancio 2013). 
L’acquisto è di per sè un’operazione politica, pianificata nel contesto del lancio del movimento politico “Unions” del leader della Fiom. Il sindacalista reggiano, si apprende, non ha
dovuto nemmeno chiedere. È stato il presidente di Coop
Adriatica Adriano Turrini, autore della prefazione al libro e supporter sfegatato di Landini, a decidere l’acquisto per inzeppare gli scaffali di iper e supercoop della Adriatica, presente in quattro regioni.
“I miei primi Primo Maggio”, rivelano Il Giornale e Dagospia, è in vendita a 5 euro e, quale  nuovo catechismo politico, sarà regalato ai clienti   sino a esaurimento scorte nella settimana che precede il Primo Maggio. 
Roba da far impallidire l’acquisto di libri e vini dalemiani da parte della Cpl Concordia, e che fa letteralmente scomparire il caso, di cui si bofonchiò molto, della vendita a diverse cooperative reggiane di stock minimalsti del primo e secondo volume di poesie dell’ex presidente di Legacoop Reggio Ildo Cigarini. E poi quelle erano poesie, non le prediche di un sindacalista Fiom. 

In questi giorni Coop Adriatica lavora al progetto di fusione con Estense e Coop Nordest. Chissà se anche la promozione dell’opera prima di Landini entra nelle trattative. E a Reggio, nei punti vendita della coop guidata da Paolo Cattabiani, lo regaleranno il capolavoro per il Primo Maggio? Sarebbe anche logico, in un certo senso, visto che Landini è di Correggio, che reggiano è il suo maestro Gianni Rinaldini e qui di fans il Maurizio nazionale ne conta parecchi. 

Certo che la diffusione militante nei supercoop del parto dell’avversario numero 1 del ministro Poletti, già presidente nazionale Legacoop, qualche problema lo pone. Ciascuno è libero di fare le operazioni politiche che vuole, però non con i soldi degli altri, specialmente quando ci sono montagne di debiti da onorare. 
(p.l.g.) 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. david Rispondi

    04/04/2015 alle 19:21

    La carta igienica negli altri discount costa meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *