Tragedia sull’A1, morto in moto a 43 anni l’agente della Polstrada Elio Iori

15/3/2015 – Tragedia ieri a tarda sera sull’A1: è morto a soli 43 anni l’agente della Polstrada Elio Iori, sovrintendente capo. Era gli esponenti più in vista della Stradale:  Elio Iori. aveva fra l’altro l’incarico di tenere i rapporti con i media reggiani. Lascia due figli di 15 e 6 anni, e la compagna.
Le circostanze dell’incidente non sono ancora del tutto chiare. Iori viaggiava in sella alla sua moto Ducati, all’ altezza del chilometro 140 nella corsia sud tra Reggio e Rubiera, quando è stato sbalzato dalla moto, si è schiantato contro un mezzo pesante ed è caduto in mezzo alla carreggiata. È morto sul colpo. 
L’allarme è stato dato dal conducente del Tir, ma molto più tardi. Iori avrebbe tamponato un autoarticolato, ma il conducente sulle prime non si sarebbe accorto di nulla: L’agente è letteralmente volato dalla moto, finendo sull’asfalto con violenza. L’impatto è stato tremendo, e la tragedia si è compiuta in pochi secondi. L’autotrasportatore non si sarebbe reso conto di nulla: solo durante la sosta a Pian del Voglio si è accorto del danno riportato nella parte posteriore del rimorchio e ha chiamato la polizia. 

Grande appassionato di motociclismo e con un talento per il giornalismo, Iori da quasi 20 anni collaborava con la rivista Motosprint. Il prossimo 29 marzo avrebve compiuto 44 anni. 
Da questa mattina all’obitorio di Coviolo è aperta la camera ardente per permettere agli amici e ai colleghi di rendergli omaggio e di salutarlo.

Alla famiglia e alla Polizia Stradale di Reggio Emilia giungano i sentimenti di cordoglio della redazione di Reggio Report.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *