Sei indagati per i rimborsi pazzi in Comune a Reggio: sotto inchiesta anche tre assessori della Giunta Delrio

17/3/2015 – Sei persone della precedente amministrazione comunale di Reggio Emilia sono iscritte nel registro degli indagati per  i rimborsi spese un po’ pazzi di amministratori e consiglieri comunali. Il fascicolo è stato aperto quest’anno dal sostituto procuratore Isabella Chiesi. Oggi  procuratore della Repubblica Giorgio Grandinetti ha confermato l’esistenza dei fascicoli e ha precisato che le persone indagate sono sei, ma non ne ha fatto i nomi  nè ha specificato le ipotesi di reato, che potrebbero essere di peculato, o appropriazione indebita se non truffa ai danni dello Stato. Si sa che tre degli indagati sarebbero assessori della precedente Giunta Delrio. 
L’indagine giudiziaria ha preso le mosse dall’esposto presentato a fine 2013 dai consiglieri comunali di  Progetto Reggio Giacomo Giovannini, Zeffirino Irali, e Matteo Iotti,  con un dossier compilato in mesi di lavoro spulciando migliaia di scontrini, richieste di rimborso e autocertificazioni riguardanti rimborsi di telepass, consumazioni, pranzi, omaggi, e persino caffè al bar, oltre a un whishy consumato a Bruxelles e messo in conto al Comune, e che ha fatto storia. Il dossier fece molto rumore, e da nessuno degli interessanti arrivo un sussurro di scuse. Si pensava che i rimborsi pagati dalla pubblica amministrazione fossero ancora nell’ambito del lecito (anche politicamente abbastanza repellenti), ma evidentemente la Procura è di avviso diverso.
Come una scelta che tende a sottolineare l’equidistanza della Procura: molti si erano chiesti, infatti, perchè fossero indagati i militanti della Lega Nord per i rimborsi spesi ottenuti dal partito (la cui legittimità appare fuori di dubbio) mentre l’esposto sui rimborsi pazzi restava nel cassetto.
(p.l.g.)

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    17/03/2015 alle 21:19

    Gente che tira la cinghia, gente che si sbatte da mane a sera per sbarcare il lunario, gente corretta, ligia al dovere, gente libera, gente che non accetta compromessi, quanta ne conosciamo ?

    Milioni, come le persone che fanno il prorpio dovere.

    In Regione, in Emilia Romagna, persone indagate per PECULATO. Anche di Reggio Emilia, a cui non fanno nulla.

    Al di la’ del colore. destra, sinistra, centro, al di la’ degli affaristi, degli intrallazzi tra politici e imprenditori, esistono tante persone, che movono l’economia.

    Al di la’ di sindacalisti collusi, al di la’ di commercialisti zelanti e collusi, esistono anche piccoli imprenditori che vanno avanti nonostante la corruzione, il pizzo, e tutta la mala Italiana.

    Rimborsi pazzi. Ma vergognatevi…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *