Park Vittoria, il pasticcio s’ingrossa. Il Comune zitto zitto butta fuori Apcoa dal parcheggio Zucchi: braccio di ferro al Tar

11/3/2015 – Pochi minuti prima dello scoccare della mezzanotte del 31 dicembre 2014, quando nelle case erano pronti a partire i tappi di spumante per festeggiare il nuovo anno, una lite furibonda davanti al teatro Valli di Reggio Emilia costringeva una pattuglia di vigili urbani a intervenire per riportare la calma. I contendenti erano Filippo Lodetti Alliata, patron della Final e di Reggio Emilia PArcheggi (che costruisce il park Vittoria) e alcuni dipendenti-dirigenti della Apcoa, la multinazionale che aveva in gestione il parcheggio Zucchi e a sua volta è socia di minoranza di Reggio Emilia Parcheggi. La Final, infatti, aveva denunciato l’accordo in base al quale Apcoa aveva la gestione del Zucchi. 
Sul caso, ora, è esplosa l’ennesima bomba politica ai piedi del sindaco Vecchi perchè, a seguito della rottura di quell’accordo, il 30 gennaio il Comune ha ingiunto ad Apcoa di fare le valigie e di restituire il parcheggio. La notizia è trapelata solo ieri. Naturalmente Apcoa non ci sta e ha presentato ricorso al Tar di Parma contro l’ordinanza firmata
dal responsabile dell’area pianificazione strategica, architetto Magnani. La ricorrente ha chiesto la sospensione cautelativa dell’ordinanza, in attesa del giudizio di merito.
Il Comune ritiene che la rottura del contratto con la Final abbia pregiudicato il diritto di Apcoa di continuare a gestire gli ottocento posti auto del Zucchi, e per questo chiede il ritorno dell’area al demanio pubblico, evidentemente in vista di una nuova gara d’appalto. È evidente che il Comune si è schierato da parte della Final, ma a questo punto c’è veramente poca chiarezza sia sui rapporti societari, sia sullo stato dei lavori. Il cantiere di piazza della Vittoria appare
fermo, si dice per alcuni ritardi nei pagamenti, mentre la
Soprintendenza archeologica ha ampliato l’area sottoposta a
scavi con criteri prudenziali (“pennello e paletta”). Inoltre all’ultima commissione consiliare sul park Vittoria la Giunta non si è presentata, e l’architetto Magnani ha parlato, appunto, solo d’archeologia. Non una parola però sulla clamorosa “cacciata” di Apcoa e la lite davanti al Tar.

Insorge il Movimento 5 Stelle di Reggio che, in una nota al
vetriolo, parla di fallimento annunciato del Pd e di un “castello di sabbia che pian piano si sgretola”, mentre Cesare Bellentani porta il caso in consiglio comunale.
Cna Commercio, a sua volta, critica la politica tariffaria di Apcoa, e vede nella revoca della concessione un’occasione per rilanciare il centro; anche se, aggiunge, “non sono chiari” i
motivi della querelle.

CNA COMMERCIO:”OCCASIONE PER RIMETTERE IN GIOCO UN PARCHEGGIO SOTTOUTILIZZATO”

Il tema dei parcheggi in centro storico è sempre stato al centro dei dibattiti tra commercianti, residenti e amministrazione. In merito alla notizia della risoluzione del contratto di Apcoa, società che aveva in gestione il parcheggio dell’ex caserma Zucchi dal 2011 e facente parte di un Ati per la realizzazione del discusso parcheggio sotterraneo in Piazza della Vittoria, auspichiamo che sia la giusta occasione per rimettere in gioco un parcheggio sottoutilizzato ma strategico per il quadrante nord della città”. Dino Spallanzani, Presidente provinciale CNA Commercio, commenta così la possibilità di un nuovo affidamento del parcheggio Zucchi.
 
“Prima del 2011 quando la gestione del parcheggio era in mano ad Act, – aggiunge il Presidente Spallanzani – pur essendo a pagamento con il sistema del post payment, presentava delle tariffe più basse, con sosta gratuita dopo le 20 e nei giorni festivi. Condizioni che ne favorivano l’uso da parte dei cittadini. A nulla è servita l’azione di Apcoa di correre ai ripari con sconti e convenzioni dopo la decisione di alzare le tariffe, con sosta a pagamento tutti i giorni (domenica compresa) 24 ore su 24. Una scelta che ha causato non pochi disagi ai tanti commercianti e residenti della zona”.
 
“Anche se non comprendiamo fino in fondo le ragioni – conclude il Presidente di CNA Commercio – che ci sono dietro alla querelle tra il Comune e Apcoa, abbiamo l’opportunità di rilanciare l’accesso all’isolato San Rocco e a Piazza della Vittoria, già penalizzati dai contestati lavori del park sotterraneo, e più in generale all’area nord del centro storico.  È questo il momento di rivedere gli errori commessi in passato e porre le basi per un servizio di sosta accessibile e funzionale per la collettività”.
BELLENTANI PORTA IL CASO IN CONSIGLIO COMUNALE 
La situazione di parcheggi ecx  Caserma Zucchi sarà discussa in consiglio comunale a seguito di un ordine del giorno urgente  presentato da Cesare Bellentani, capogruppo della lista Magenta. Eccone il testo. 
 
Premesso che:
In data odierna si è appreso dalla stampa locale che la società APCOA, concessionaria del parcheggio ex Caserma
Zucchi, ha presentato ricorso al TAR Emilia Romagna per ripristinare i propri presunti diritti, in seguito a una sempre presunta risoluzione da parte del Comune di Reggio Emilia circa la concessione del parcheggio in oggetto; premesso altresì
che pare essere stata adottata l’ordinanza n.PS20/U del 30/01/2015 da parte del  Dirigente dell’area pianificazione strategica del Comune di Reggio Emilia con la quale è stato  disposto il rilascio immediato nella piena disponibilità del Comune, dell’area denominata “Parcheggio Zucchi”, destinata a pubblico parcheggio a rotazione per veicoli;
 
Premesso pure che:
In data 20/10/2014 il sottoscritto presentava interpellanza circa le notizie della stampa riguardanti i ricavi provenienti al Comune di Reggio Emilia dal parcheggio dell’ex Caserma Zucchi, sottolineando che solo l’8% di tali proventi spettavano al Comune mentre il 92% spettavano per contratto al concessionario, per un importo annuo di 480.000 Euro circa, di cui solo 40.000 entravano nelle casse comunali, mentre la parte restante finiva ad azienda privata;
Considerato che:

in data 17 novembre, durante una seduta del Consiglio Comunale, l’assessore Tutino rispondeva a questa interpellanza che tali notizie di stampa rispondevano a verità, facendo questa convenzione parte di un accordo fra Comune e società private terze nell’ambito di un progetto pluriennale, comprendente la realizzazione del garage sotterraneo
comunemente conosciuto come Park Vittoria;
 
Si chiede al Sindaco
–                Di rispondere circa la verità dell’esistenza o meno della ordinanza di rilascio immediato dell’area denominata Parcheggio Zucchi
–                Di chiarire il contenuto di tale ordinanza, vale a dire di chiarire se a base di tale provvedimento vi sia – o meno – la risoluzione del rapporto contrattuale con APCOA;
–                Di chiarire le motivazioni che, se ciò rispondesse a verità, hanno reso necessario risolvere un rapporto contrattuale in essere, che era stato confermato dalla Giunta solo quattro mesi prima, durante una interpellanza in Consiglio Comunale;
–                Di chiarire le motivazioni della adozione di un provvedimento in via di urgenza con tale contenuto;
–                Di chiarire sulla circostanza del motivo per il quale l’adozione di tale ordinanza del 30 gennaio 2015 non è stata portata a conoscenza del Consiglio Comunale;
–                Di informare sulla valutazione dei rischi che il Comune corre a seguito di tale evento, e di esporre il contenuto della istruttoria legale che ha sorretto l’adozione di tale ordinanza del 30 gennaio 2015;
–                Di informare circa i nominativi degli eventuali legali che tuteleranno il Comune in tale controversia innanzi al TAR;
–                Di informare circa le modalità della gestione del parcheggio ex Caserma Zucchi fino a nuova definizione. 
 
(Cesare A. Bellentani, Capogruppo Lista Civica Magenta – Consiglio Comunale di Reggio Emilia) 

IL DOCUMENTO DEI CINQUESTELLE: “UNA SCONFITTA POSTUMA DEL PD”
“Si possono perdere le elezioni anche alcuni mesi dopo un immeritato successo. 
La vicenda dei parcheggi del centro storico, al centro della scorsa campagna elettorale, segna la sconfitta postuma di una forza politica che ha sempre tenuto nascosta la verità ai cittadini e alle forze politiche. Fino ad alcuni giorni fa il Comune taceva sulla rescissione del rapporto di gestione del parcheggio ex Zucchi, financo in una Commissione appositamente convocata per parlare del sistema dei parcheggi del centro storico, nato da un project financing in cui rientrano sia la gestione del Parcheggio dell’Ex Caserma Zucchi che i garage privati di Piazza della Vittoria. 
Era quindi l’evidente paura di mostrare il Re nudo, dove il re sono il partito democratico e il Sindaco Vecchi, da sempre sostenitori del project financing, e gli artefici di questo assurdo amministrativo, cioè Delrio e suoi accoliti. Un unico progetto che comincia nel 2004 per dotare il centro storico di un sistema di parcheggi, in cui ci finiscono dentro la gestione dell’Ex Caserma Zucchi, prima gestita da ACT, e il parcheggio interrato di Piazza della Vittoria, ridotto oggi ad un buco e a teorici 247 garage privati in progetto. 
Nel lungo e tortuoso percorso a un certo punto i vincitori del bando di gara si fanno da parte ed entrano nella partita gli “sconfitti” della prima ora, capeggiati dalla finanziaria FINAL assieme, appunto, al partner industriale Apcoa. Alcuni mesi dopo una modifica alla legge nazionale impedirà che uno “sconfitto” possa subentrare al vincitore in un project financing. 
I patti sono chiari: un unico quadro finanziario, in cui gli introiti del parcheggio Zucchi contribuiscono a finanziare la realizzazione dei garage interrati di Piazza Vittoria. E’ scolpito nella pietra di tutti gli atti a nostra disposizione. 
Comincia quindi la gestione del parcheggio ex Zucchi, con costi altissimi, vale a dire 1,50 euro all’ora. 
Quanto entra al Comune? Appena l’8% di quanto introitato dal Zucchi, che sembra ben poca cosa rispetto ai 500.000 euro di incassi che faceva ACT e che servivano a cofinanziare il trasporto pubblico. 
I soldi servono a costruire i garage Vittoria, progetto contestatissimo in cui migliaia di firme di cittadini contrari vengono regolarmente ignorate da Vecchi e dal PD, che tirano dritto. 
Quali argomenti contro? Non sta in piedi da tutti i punti di vista, anche quello finanziario, visto con gli occhi del cittadino. Perchè rinunciare all’uso della piazza, creare enormi disagi agli esercenti e ai cittadini, rinunciare ad una lucrativa gestione del parcheggio Zucchi per costruire dei garage privati? Oggi i nodi vengono al pettine.
La revoca della gestione del parcheggio ex Zucchi inoltrata dal Comune ad Apcoa parla di una scelta sbagliata che comincia a perdere pezzi, un castello di sabbia che piano piano si sgretola. Come si può revocare la gestione ad un componente dell’ATI che ha vinto? Dovremo assistere ad una nuova modifica della compagine societaria? Ed ancora, perchè il cittadino comune ha l’impressione che tutti fuggano da questa partita? 
Il PD al momento ci ha quindi lasciato una gestione molto salata dello Zucchi, un buco enorme in Piazza Vittoria, un quadro finanziario a dir poco confuso, un continuo cambio dei soggetti con cui interloquire. 
Per i cittadini benefici zero, svantaggi tanti. Ma il PD ha vinto le elezioni, questo interessa loro. E oggi si possono anche permettere un bel gesto dell’ombrello a tutti i reggiani. Fino a che tutti, tranne una ristretta cerchia di oligarchi, si stancheranno di questa situazione”. 
(Movimento 5 Stelle Reggio Emilia) 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *