Gattatico, albanesi bloccati con kit completo da scasso in una stazione di servizio

8/3/2015 – Giravano intorno alla colonnina self service di un distributore di benzina di Gattatico, in piema notte, e alla vista dei carabinieri hanno tentato di svignarsela. Ma i due albanesi a bordo di una Opel Astra non sono riusciti a farla franca: l’auto dei militari si è messa di traverso e li ha bloccati. 
All’interno della Opel controllata a puntino, i Carabinieri hanno un kit completo da ladri costituito da attrezzi da scasso, torce e guanti. 
Così è finita in caserma la “gita” in Val d’Enza per due albanesi con precedenti di polizia per furto, un 28enne abitante a Bologna e un 26enne residente a San Martino in Rio i quali, al termine delle formalità di rito, sono stati denunciati alla Procura di Reggio Emilia per il possesso di strumenti atti allo scasso. 
A loro i Carabinieri hanno sequestrato una torcia, 4 grossi cacciaviti, un binocolo e due paia di guanti in stoffa con palmare in gomma. 
Sono stati fermati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Guastalla poco prima delle 2,30 dell’altra sera. 
I militari percorrevano la SP 111 denominata in quel tratto Via Val d’Enza, quando hanno notato un’autovettura  ferma davanti alla colonnina self service di un distributore di benzina. C’erano anche due persone che alla vista dei Carabinieri sono risalite in macchina per allontanarsi. Insospettiti per tale atteggiamento e considerato che nelle ultime settimane spesse volte proprio diverse colonnine self service sono state attaccate dai malviventi, i Carabinii hanno fermato i due, scoprendo nell’auto l’armamentario da scasso.
L’intenzione non è reato,  per cui i due stranieri non sono accusati di nessun furto ma è chiaro che l’armamentario trovato in loro possesso non lascia spazio a molti dubbi.  data le circostanze di tempo e di luogo alimenta i dovuti sospetti. Ed è per questo motivo che ora gli stessi Carabinieri stanno cercando di approfondire i fatti al fine di capire i reali motivi della loro presenza nella bassa reggiana. Nel frattempo ai due i Carabinieri hanno sequestrato quanto posseduto procedendo alla loro denuncia per il reato di possesso di strumenti atti allo scasso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *