Boretto, la canna di carbonio sbatte contro l’alta tensione: pescatore di Campegine muore folgorato

5/3/2015 – Tragedia nel tardo pomeriggio a Geminiolo di Boretto sulla Fiuma Mandria, in via Bellingambo.  Un pescatore di 60 anni, di Campegine, è morto folgorato dall’alta tensione: quasi certamente la sua canna in fibra di carbonio ha toccato durante un lancio un cavo dell’alta tensione sopra la sua testa. 
La disgrazia non ha avuto testimoni: corpo senza vita è stato notato da una persona che passava nella zona e che ha dato l’allarme ai Carabinieri poco prima delle 18. 
 Evidentemente, nel momento di caricare la lenza prima di lanciarla in acqua, la canna ha toccato il cavo e lo sfortunato pescatore è rimasto folgorato da una scarica di migliaia e migliaia di volt. Sul posto oltre ai Carabinieri una squadra di vigili del fuoco da Guastalla e i sanitari inviati dal 118,  che tuttavia non hanno potuto fare nulla per la vittima, deceduta sul colpo.  La salma è stata affidata ai familiari.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *