Treno deraglia a Rubiera, 10 contusi

 
16/2/2015 – Grave incidente ferroviario nei pressi della stazione di Rubiera. Fortunatamente non si contano vittime o feriti gravi, tuttavia almeno dieci viaggiatori sono rimasti contusi.
La circolazione è sospesa dalle 12.25 di oggi sulla linea ferroviaria convenzionale fra Modena e Reggio Emilia per il deragliamento del Regionale 11419 Parma-Bologna, in uscita dalla stazione di Rubiera. Le cause sono in corso d’accertamento. Dieci, come dicevamo, i contusi tra i 110 passeggeri del regionale: otto sono stati curati negli ospedali di Reggio Emilia e di Scandiano, due hanno rifiutato l’intervento del 118. Sul posto anche operatori di Rfi e Trenitalia, oltre a Polizia, Carabinieri e Vigili del Fuoco. Istituito un servizio bus fra Modena e Reggio. Previste
deviazioni per i treni a lunga percorrenza, mentre funziona Regolarmente  la linea ad alta velocità  Bologna-Milano.
Secondo una prima ricostruzione, a provocare l’incidente sarebbe stato un convoglio di carri merci privati che, proveniente dal raccordo del Terminal Rubiera, ha invaso i binari della linea Bologna-Milano.
L’errore di manovra ha coinvolto il treno regionale in uscita
dalla stazione di Rubiera, con il conseguente deragliamento della vettura semipilota e della seconda vettura. L’esatta
dinamica dei fatti, ha spiegato Trenitalia, è ancora all’esame dei tecnici ferroviari. Allo stato risulta però che i carri
merci provenienti dal raccordo privato abbiano indebitamente
occupato la sede ferroviaria durante il passaggio del regionale. I viaggiatori sarebbero rimasti contusi dopo
l’impatto con i carri merci,  e non per lo “svio” del treno regionale.

Nel pomeriggio un report dei Vigili del Fuoco ha spiegato che “nel violento urto uno dei carri portacontainer, fortunatamente scarico, del merci si capovolgeva sulla massicciata andando ad incombere sulla sottostante strada provinciale 85, che è interrotta. La prima carrozza del passeggeri era praticamente divelta dal suo telaio, ma l’intero convoglio restava in linea senza capovolgersi o spezzarsi”.

“Sul posto giungevano in forze Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia Municipale, Polizia di Stato e Sanitari 118 che si prodigavano nel soccorso e recupero dei passeggeri. Contemporaneamente Comune di Rubiera e Protezione Civile
allestivano un punto di prima accoglienza per i passeggeri incolumi.

I Vigili del Fuoco di Reggio Emilia sono intervenuti, con il supporto dei colleghi di Modena con tre squadre operative supportate da autogru e carro soccorritori SAF (Speleo Alpino Fluviale) mentre l’elicottero VF era posto in preallarme per
un eventuale soccorso aereo. Complessivamente sul posto hanno operato 20 Vigili con 6 mezzi”.

Il bilancio finale è di 110 persone soccorse e assistite, di cui 8 con ferite lievi, trasportate presso strutture sanitarie per gli accertamenti del caso.

La linea ferroviaria al momento è interrotta in entrambi i
sensi e non si ritiene possa essere ripristinata a breve. Lo stesso vale per la circolazione sulla SP 85 interrotta fino alla rimozione del carro ferroviario che incombe sulla strada dal ponte soprastante.
I regionali sono sostituiti con autobus fra Modena e Reggio Emilia. I treni media-lunga percorrenza sono invece istradati sulla linea alternativa via Bologna Verona Milano, con un maggior tempo di viaggio di circa 150 minuti.

MOBILITATA LA PROTEZIONE CIVILE DI REGGIO EMILIA: ASSISTITI CENTODIECI PASSEGGERI
Anche il sistema provinciale di Protezione civile si è mobilitato – riferisce la Provincia di Reggio Emilia – in seguito all’incidente ferroviario che si è verificato a Rubiera, nei pressi del ponte sul Secchia. 
“Attivati dal sindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro e dal vicesindaco Federico Massari, che hanno anche allestito un Centro operativo comunale (Coc) mobile,  ed in raccordo con la Prefettura, Protezione civile della Provincia e Coordinamento delle associazioni di volontariato si sono in particolare occupati degli oltre 100 passeggeri rimasti illesi. Mentre 118 e Croce rossa – intervenuti insieme a vigili del fuoco e forze
dell’ordine – prestavano soccorso alle cinque persone rimaste ferite, la Protezione civile, grazie anche alla collaborazione della ditta Ruggerini che ha concesso alcuni spazi, ha allestito un punto di ristoro con bevande calde e coperte”.
“Abbiamo assistito e registrato tutte le persone che erano a bordo dei treni e che erano in grado di proseguire il viaggio, accompagnandole poi con i nostri mezzi, i pullmini e i fuoristrada del Coordinamento delle associazioni di volontariato ai capolinea dei bus messi a disposizione da FS Italiane”, spiega la responsabile della Protezione civile,
Federica Manenti, che ha coordinato le operazioni in stretto contatto con il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi.

CHIUSA LA PROVINCIALE 85 PER CAMPOGALLIANO. LE DEVIAZIONI

La Provincia di Reggio Emilia informa che, a seguito dell’incidente ferroviario di questa mattina a Rubiera, per consentire lavori di ripristino delle strutture danneggiate e di rimozione dei convogli, la Sp 85 per Campogalliano è stata chiusa al traffico, con deviazione sulle vie Rainusso, del Palazzo, Fratelli Cervi, Napoli e Marsala per arrivare sulla via Emilia. Per i mezzi pesanti il divieto scatta ancora prima, a Osteriola. all’intersezione con la Sp 105, che si potrà percorrere fino a quando la normale viabilità non verrà ripristinata.

LA REGIONE: APPRENSIONE PER L’ACCADUTO, ACCERTARE LE RESPONSABILITÀ

16/2/2015 –  “Apprensione per l’accaduto”, costante contatto per gli aggiornamenti sulla situazione e richiesta di “un accertamento di cause e responsabilità”. L’assessore regionale ai Trasporti della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, interviene sul deragliamento del regionale Parma-Bologna avvenuto oggi in uscita dalla stazione di Rubiera.

“Voglio prima di tutto manifestare la nostra vicinanza alle persone contuse e a quanti siano stati interessati in prima persona dall’incidente – ha affermato Donini -. Esprimo una forte apprensione per quanto accaduto, consapevole che l’episodio avrebbe potuto avere ben altre e più gravi conseguenze, e ringraziare quanti si siano prodigati per i primi soccorsi a partire dall’amministrazione comunale e dal sindaco Emanuele Cavallaro. Siamo costantemente in contatto con le autorità, Trenitalia e Tper per gli aggiornamenti sulla situazione e informazioni inerenti il ripristino della linea ferroviaria”.
“Chiediamo – conclude l’assessore – che vengano velocemente accertate le cause e individuate, laddove esistenti, precise responsabilità rispetto all’accaduto”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *